Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Scuola, la denuncia del sindacato Usb: "1.900 studenti del Marconi e del Croce dislocati in 10 sedi"

Anche l'organizzazione sindacale Usb interviene sul caso delle due scuole non agibili che hanno portato alla frammentazione delle classi in altri plessi

«L'anno scolastico a Pescara inizia con un vero e proprio attacco al diritto allo studio per oltre 1.900 studenti: sono inutilizzabili il liceo statale "Giuseppe Marconi" e la scuola secondaria di I Grado "Benedetto Croce"».
A scriverlo è Teodoro Pace del sindacato Usb Scuola Abruzzo e Molise.

«L'inadeguata gestione del patrimonio scolastico da parte della Provincia e del Comune di Pescara costringe famiglie e personale scolastico a suddividere le loro attività in sei (liceo Marconi) e quattro (scuola Croce) diversi luoghi, causando pesanti conseguenze», aggiunge il rappresentante sindacale. 

Che poi aggiunge: «Non si può chiudere un plesso scolastico senza avere disponibilità di sedi alternative idonee al trasferimento integrale di personale e alunni, in modo da alleviare il più possibile ogni disagio. Non si possono commissionare studi che attengono a problematiche di staticità e/o vulnerabilità sismica di un edificio, senza aspettarsi anche risultati non in linea con la recente normativa tecnica del 2018, senza predisporre sedi alternative e soluzioni efficaci nel caso di problemi. Provincia e Comune hanno abdicato alla loro più importante funzione, quella di una efficace programmazione nella gestione e valorizzazione del bene pubblico, compromettendo lo svolgimento delle attività scolastiche».

Il sindacato chiede «che sia immediatamente reperita area idonea e sia attrezzata con strutture prefabbricate in grado di accogliere entrambe le scuole, ricomporre le comunità scolastiche ed essere utili in tutti gli altri casi simili;  che siano sempre coinvolte le comunità e gli organismi scolastici circa ogni scelta; che siano avviati al più presto, dopo accurata verifica tecnica, i lavori sulle strutture che hanno mostrato carenze; che, nell'effettuare ogni valutazione costi-benefici rispetto alla gestione del patrimonio edilizio scolastico, sia prioritariamente considerato ogni danno inflitto alla comunità, attualmente non ponderato in nessuna delle decisioni degli enti proprietari».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, la denuncia del sindacato Usb: "1.900 studenti del Marconi e del Croce dislocati in 10 sedi"

IlPescara è in caricamento