Mercoledì, 16 Giugno 2021
Attualità

Rsa, ordinanza di Marsilio: ecco le nuove modalità di accesso di ospiti e visitatori

La pianificazione degli accessi "deve anche tenere in debita considerazione non solo i bisogni clinico-assistenziali-terapeutici dell’ospite, ma anche quelli psicologici, affettivi, educativi e formativi"

Il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, ha firmato l'ordinanza numero 28 relativa all'approvazione delle nuove modalità di accesso di ospiti e visitatori nelle strutture residenziali della rete territoriale e delle linee di indirizzo operative per la gestione di pazienti con casi sospetti o confermati di Covid, affetti da disabilità cognitivo-comportamentale e/o neuromotoria non in grado di collaborare alla prestazione sanitaria.

Come si legge nel provvedimento, "la programmazione delle visite deve considerare le condizioni dell’ospite (età, fragilità, stato immunitario) e del visitatore, nonché le caratteristiche logistiche della struttura stessa e le mutabili condizioni epidemiologiche (proprie della struttura e del suo territorio di ubicazione e del territorio di provenienza del visitatore)".

La pianificazione degli accessi "deve anche tenere in debita considerazione non solo i bisogni clinico-assistenziali-terapeutici dell’ospite, ma anche quelli psicologici, affettivi, educativi e formativi. Non da ultimo, anche le istanze dei familiari/visitatori con riferimento alla sfera relazionale-affettiva possono rappresentare un valido strumento decisionale nella pianificazione delle visite, affinché il protrarsi del confinamento degli ospiti/pazienti nelle strutture residenziali per causa del distanziamento sociale imposto dalla pandemia non debba mai configurare una situazione di privazione de facto della libertà delle persone stesse".

Inoltre "devono essere favoriti nella massima sicurezza possibile gli accessi di familiari, parenti e visitatori, intraprendendo tutte le modalità organizzative/strutturali necessarie, tenuto conto di diverse motivate indicazioni della direzione sanitaria ovvero del referente medico/referente Covid della struttura, che è comunque tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione da Sars-CoV-2; della presenza di eventuale focolaio epidemico da Covid-19 con insufficiente controllo all’interno della struttura (esempio: struttura impossibilitata a garantire adeguato isolamento degli ospiti positivi che dovranno, pertanto, essere trasferiti; assenza contemporanea di più operatori per positività alla Covid-19 etc.); di un alto rischio epidemiologico territoriale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rsa, ordinanza di Marsilio: ecco le nuove modalità di accesso di ospiti e visitatori

IlPescara è in caricamento