Rissa in via Piave, Tranquillamente Battisti: "Una situazione a dir poco indecente"

Non ha tardato ad arrivare il commento del comitato dei residenti, che denunciano: "Sono anni che rappresentiamo la realtà nuda e cruda a differenza di chi continua a minimizzare per fare marketing e profitto a discapito di chi vive in questo quartiere"

Dopo la rissa in via Piave, Tranquillamente Battisti torna ad alzare la voce e parla di "una situazione a dir poco indecente". Come prevedibile, non ha tardato ad arrivare il commento del comitato dei residenti, che denunciano: "Sono anni che rappresentiamo la realtà nuda e cruda a differenza di chi continua a minimizzare per fare marketing e profitto a discapito di chi vive in questo quartiere".

Il comitato se la prende direttamente con il Comune:

"Chi è alla guida della città deve assumersi le proprie responsabilità e dire chiaramente in che modo pensa di tutelare la vivibilità del quartiere in discontinuità con la precedente amministrazione. Si è scelto di prolungare ulteriormente gli orari dei locali portando la chiusura all’una anche il giovedì, ma qui si deve ragionare in maniera diametralmente opposta".

Per i residenti "occorre ripensare al modello di intrattenimento e ridimensionare drasticamente gli orari in questa zona offrendo alternative altrove", anche perché quanto accade in piazza Muzii e dintorni "viene inequivocabilmente oggettivato dalle immagini tanto scomode per molti".

Tranquillamente Battisti sottolinea che il problema non sono solo le zuffe, ma anche gli assembramenti: "L’attuale situazione non offre garanzie né sul piano anti Covid né rispetto ai diritti dei residenti, che fino alle 2 di notte (e oltre) sono costretti a non riposare. Il distanziamento sociale ci sembra risultare di fatto inesistente e purtroppo le immagini non mentono ma, Covid a parte, da troppo tempo si chiude un occhio sulle numerose situazioni al di sopra delle leggi".

Insomma, il comitato fa capire che stavolta la misura è colma: "Fino ad oggi abbiamo sempre mantenuto una posizione collaborativa, e siamo disposti a farlo ancora, ma non ci si venga più a dire che il problema non esiste. Abbiamo promosso una petizione, che depositeremo nei prossimi giorni, per chiedere alle autorità prefettizie e comunali di intervenire al fine di risolvere i problemi noti che rendono invivibile il quartiere e che sono irrisolti da anni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E infine: “Troppi cittadini sono esasperati da quanto devono subire inermi. Non è un mero problema di ordine pubblico ma è il concetto di fondo che ci si ostina a non voler capire: questo quartiere non ha una vocazione finalizzata all’intrattenimento notturno”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo l'asse attrezzato, auto si ribalta e prende fuoco: tamponamento tra altre 4, ferite 6 persone [FOTO]

  • Morto l'uomo di Città Sant'Angelo colto da un infarto mentre correva con la moglie

  • Omicidio Jennifer Sterlecchini: annullata la condanna a 30 anni di carcere per Davide Troilo

  • Malore nel bagno di un autogrill sull’A14, muore un uomo

  • Pochi minuti e il cielo diventa scuro sopra Pescara, e viene giù il temporale [FOTO-VIDEO]

  • Camionista beccato con oltre mezzo chilo di cocaina a Pescara Colli: arrestato dai carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento