Al via il ripascimento della spiaggia nella zona del lungomare sud

Previsti anche interventi per il rinforzo delle scogliere contro gli effetti delle potenziali mareggiate attese tra l’autunno e l’inverno

Aprono i cantieri per il ripascimento della spiaggia della zona del lungomare sud di Pescara.
Previsti anche interventi per il rinforzo delle scogliere contro gli effetti delle potenziali mareggiate attese tra l’autunno e l’inverno.

I lavori per il ripristino di circa 3 mila 150 metri cubi di sabbia sono stati avviati, e l'intervento è finanziato con fondi della Regione Abruzzo e interesserà i tratti di arenile antistanti gli stabilimenti compresi tra piazza Le Laudi e il confine con Francavilla al Mare. Verranno conclusi il prossimo 18 novembre.

Nel frattempo, come fa sapere l'assessore all'Ambiente, Isabella Del Trecco, la giunta comunale ha approvato il progetto per il ripristino delle scogliere sempre nello stesso tratto di lungomare a Porta Nuova, quello più duramente colpito già dal maltempo del novembre 2019 con gravi danni arrecati alle strutture balneari e al patrimonio pubblico. 

«In realtà», aggiunge la Del Trecco, «già in primavera la Regione Abruzzo aveva stanziato le risorse necessarie e l’amministrazione comunale, ente attuatore, era anche pronto a partire: avevamo realizzato la caratterizzazione della sabbia che andremo a prelevare dall’area della Madonnina, sul lungomare nord, dove abbiamo anche individuato, di concerto con le Associazioni ambientaliste coordinate da Augusto De Sanctis, le zone di prelievo al fine di non invadere le aree destinate alla nidificazione del fratino. Poi, però, con gli stessi balneatori interessati dall’intervento e con le associazioni di categoria, vista anche la concomitante emergenza Covid-19, abbiamo deciso di rinviare all’autunno i lavori, proprio per avere tutto il tempo necessario per lavorare in tranquillità e, in più, per non rischiare di interferire con l’inizio della stagione balneare, che era ed è effettivamente stata vitale per le attività pescaresi, visto il lockdown di primavera e quelle restrizioni governative che oggi, di nuovo, hanno imposto forti limitazioni agli stabilimenti balneari. Il rinvio è stato dunque concordato e oggi siamo pronti: il 19 ottobre scorso siamo partiti con l’intervento di ripascimento, affidato all’impresa Dalmar Snc, che interesserà tre tratti della riviera sud ricompresi tra i pennelli 4-5, 8-9 e 9-10, ovvero tra gli stabilimenti balneari "Il Corallo/Il Pirata-California/Ombretta-Marinetta", poi tra "La Caravella-La Zattera-Stella d’Oro" e, infine, il lido "La Playa". Complessivamente verranno riportati 3.150 metri cubi di sedimenti marini; i lavori si stanno svolgendo ogni giorno dalle 6 alle 18, con divieto, ovviamente, di transito e utilizzo, anche pedonale, dei tratti interessati dalle operazioni, per non interferire con il deposito della sabbia che, dopo la prima fase di decantazione, verrà spalmata in modo uniforme, e dovranno concludersi per il prossimo 18 novembre.

Prevista, infine, anche la ricostruzione della testa del pennello posto al confine con il comune di Francavilla al Mare con la posa di nuovi massi. Approvato l’intervento definitivo ed esecutivo, per un importo pari a 150mila euro sempre fondi della Regione Abruzzo, ora manca solo la gara d’appalto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

Torna su
IlPescara è in caricamento