Rigopiano, lo sfogo e la rabbia di Giampaolo Matrone: "La tragedia dimenticata da tutti, ci hanno abbandonato"

Il superstite del crollo dell'Hotel Rigopiano, nel quale ha perso la moglie Valentina, denuncia una situazione di stallo per l'inchiesta e il pagamento dei risarcimenti

La tragedia di Rigopiano è stata dimenticata, sia sul fronte giudiziario che su quello relativo ai risarcimenti per i familiari. La denuncia arriva da Giampaolo Matrone, superstite del crollo dell'hotel Rigopiano avvenuto il 18 gennaio 2017, nel quale morirono 29 persone fra cui la moglie Valentina.

Matrone con rabbia e delusione ribadisce che, nonostante le promesse, nulla è cambiato e dopo l'emergenza Covid la situazione sembra essere peggiorata:

È inconcepibile che in tre anni e mezzo lo Stato, che pure è chiamato in causa a più livelli su questa vicenda, non abbia dato una sola risposta ai familiari delle vittime e ai sopravvissuti. Eppure, nel decreto semplificazioni varato dall’allora governo giallo-verde nel febbraio del 2019 erano stati stanziati dieci milioni di euro per gli indennizzi, e lo scorso autunno Palazzo Chigi aveva istituito una commissione tecnica ad hoc, con il coinvolgimento dei sindaci dei comuni di residenza delle vittime, per individuare i destinatari di questi fondi.

Il pasticcere, che ha riportato anche un'invalidità permanente dal crollo, fa sapere tramite lo studio 3A - Valore che lo assiste, che per ora l'iter è bloccato e non è stato erogato alcun risarcimento, con il senatore del M5s Di Nicola che ha presentato nei giorni scorsi un'interrogazione parlamentare per chiedere di accelerare i tempi e dare risposte concrete. Matrone fa sapere di essere pronto, assieme ad altri parenti delle vittime, ad incatenarsi davanti a quale palazzo governativo per far valore i diritti, aggiungendo che il lockdown ha paralizzato un procedimento giudiziario che già era molto lento e macchinoso, fermo con l'udienza del 31 gennaio nella fase delle costituzioni delle parti civili.

RIGOPIANO, MASCI METTE A DISPOSIZIONE IL PALAZZETTO PER LE UDIENZE

Il 10 luglio dovrebbe tenersi l'udienza ma al tribunale di Pescara, nell'aula utilizzata fino ad ora per il processo, è impossibile rispettare le norme di distanziamento sociale fra imputati, parti civili e persone autorizzate che sono 139 più i vari legali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non so davvero se vedremo mai la luce in fondo al tunnel di questo processo e una sentenza. Ritardi e omissioni sono stati alla base di questa immane sciagura e continuano a perseguitarci anche dopo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo l'asse attrezzato, auto si ribalta e prende fuoco: tamponamento tra altre 4, ferite 6 persone [FOTO]

  • Morto l'uomo di Città Sant'Angelo colto da un infarto mentre correva con la moglie

  • Omicidio Jennifer Sterlecchini: annullata la condanna a 30 anni di carcere per Davide Troilo

  • Malore nel bagno di un autogrill sull’A14, muore un uomo

  • È morto Antonello Luzi, volto noto delle tv private pescaresi

  • Camionista beccato con oltre mezzo chilo di cocaina a Pescara Colli: arrestato dai carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento