Corretto conferimento rifiuti: scattano i controlli della polizia municipale per ristoranti, macellerie e pescherie

Da lunedì 27 luglio scatteranno controlli a tappeto eseguiti dagli agenti della polizia municipale

L'amministrazione comunale di Pescara annuncia un giro di vite nei confronti di ristoranti di carne e pesce, macellerie e pescherie per la verifica del corretto conferimento dei rifiuti.
Da lunedì 27 luglio scatteranno controlli a tappeto eseguiti dagli agenti della polizia municipale.

I controlli interesseranno tutte le attività che effettuano manipolazione di prodotti alimentari per verificare il corretto smaltimento degli scarti crudi, con richiesta dei registri di conferimento e dei contratti con le aziende specializzate nello stoccaggio di tali rifiuti speciali, come fa sapere l'assessore all'Ambiente Isabella Del Trecco al termine della riunione alla quale hanno preso parte anche i rappresentanti di Ambiente Spa, con il dirigente Massimo Del Bianco, il comandante della polizia municipale Danilo Palestini affiancato dalla responsabile del settore Ambiente, il maggiore Donatella Di Persio, e il consigliere comunale di Forza Italia Alessio Di Pasquale.

«Per chi non sarà in regola arriveranno le sanzioni», fa sapere la Del Trecco, «a seconda del numero di contestazioni che saranno eventualmente rilevate, a partire da un minimo di 500 euro. L’iniziativa rientra nell’Operazione "Pescara-Decoro", che si svilupperà in una serie di step e che ha l’obiettivo di tutelare sia gli operatori che lavorano correttamente, sia l’immagine e la dignità di una città che, purtroppo, continua a registrare la presenza di troppi ‘furbetti’ che sporcano il territorio, rendendo invivibile la convivenza in intere zone strategiche, come la stessa riviera, e poi magari si lamentano pure quando in una strada appena lavata o dai cassonetti igienizzati il giorno prima dagli operatori di Ambiente Spa fuoriescono cattivi odori. È ora di finirla».

«Per quanti sforzi si producano», aggiunge l'assessore, «nonostante gli appelli alla sensibilizzazione dei cittadini, sembra non essere mai abbastanza e da un giorno all’altro spuntano rifiuti ingombranti abbandonati, si avvistano utenti che addirittura lanciano buste dei rifiuti dalle auto in transito, senza neanche preoccuparsi di scendere dalla vettura per lasciare il sacchetto nel cassonetto. E poi c’è il problema dei cattivi odori lungo le strade, dall’interno dei cassonetti, sui marciapiedi, derivanti dall’errato conferimento degli scarti alimentari del pesce crudo, ma anche della carne, che, come da regolamento per la gestione integrata del ciclo dei rifiuti, non possono e non devono essere gettati con il resto degli altri rifiuti organici, l’umido, ovvero non possono essere avviati a recupero presso gli impianti di compostaggio, perché oltre a rappresentare un rischio di natura igienico-sanitaria, sono incompatibili con le tecnologie messe in atto negli impianti stessi. Tali rifiuti vanno dunque conferiti in modo specifico a cura dei produttori o detentori direttamente a impianti di smaltimento o di recupero autorizzati, attraverso società autorizzate e utilizzando mezzi di trasporto idonei che evitino, peraltro, la caduta o anche la dispersione del relativo percolato, con la compilazione puntuale di registri che attestino e dimostrino l’iter procedurale seguito. Tutti i ristoratori, nonché le pescherie e le macellerie, lo sanno. Tali controlli, che verranno progressivamente allargati a tutte le attività di pesce e di carne, dunque macellerie comprese, ci daranno l’esatta fotografia della situazione cittadina e siamo convinti che rappresenteranno anche un utile deterrente contro i conferimenti abusivi del pattume di scarto e dunque saranno un valido aiuto contro chi sporca la città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Diego Armando Maradona e l'Abruzzo, ecco la foto con lo chef Quintino Marcella

Torna su
IlPescara è in caricamento