Riconsegnata una casa popolare estorta a una signora di Rancitelli

La donna, un’anziana in difficoltà economiche, era stata avvicinata da una coppia di malviventi che le avevano offerto aiuto economico in cambio di ospitalità nel suo appartamento. Successivamente i due l'avevano costretta ad abbandonare l’alloggio

Riconsegnata una casa popolare estorta a una signora di Rancitelli. La donna, un’anziana in difficoltà economiche, era stata avvicinata da una coppia di malviventi che le avevano offerto aiuto economico in cambio di ospitalità nel suo appartamento. Dopo un primo momento di disponibilità e aiuto materiale, i due l'avevano però costretta ad abbandonare l’alloggio e dormire nel sottoscala del palazzo.

Avevano perfino cambiato la serratura e ristrutturato integralmente la casa. La signora, dopo le prime lamentele, era stata gravemente minacciata e a quel punto si era decisa a sporgere denuncia. Immediatamente erano scattate le indagini dei carabinieri, che avevano portato ad accertare l’estorsione e le reiterate minacce alla signora. I malviventi sono stati così denunciati all’autorità giudiziaria che li ha rinviati a giudizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ieri, grazie alla collaborazione tra i carabinieri e l’Ater, la donna è finalmente rientrata in possesso dell’alloggio. Secondo il comitato di quartiere “Per una nuova Rancitelli”, sono episodi come questo "che ci fanno ancora sperare, perché dimostrano che tutto è possibile con l’impegno, la coordinazione e la collaborazione di cittadini, istituzioni e forze dell’ordine. Quando la vittima trova il coraggio di denunciare nonostante le minacce, e viene protetta e sostenuta adeguatamente da forze dell’ordine e istituzioni, le battaglie per la legalità si possono vincere. È quello che sosteniamo da sempre come comitato di quartiere ed è questo che orienta la nostra azione. Per questo invitiamo le vittime di episodi simili a non avere paura, a uscire allo scoperto, a denunciare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Che paura la Pantafica! Storia della spaventosa leggenda abruzzese

  • Morto l'ex arbitro di calcio Stefano Pitocco, aveva 44 anni: Loreto Aprutino e Aia-Pescara in lutto

  • Uomo trovato morto nella sua camera dalla madre, tragedia nel Pescarese

  • Chiarita la causa del decesso dell'uomo trovato in una pozza di sangue nella sua camera dalla madre

  • Morto l'uomo di Città Sant'Angelo colto da un infarto mentre correva con la moglie

  • Malore nel bagno di un autogrill sull’A14, muore un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento