rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità

Mare Monstrum 2023, in Abruzzo troppo i reati legati alla cementificazione, la mala depurazione e la pesca di frodo

A scattare la fotografia di tutto il Paese è Legambiente con la sezione regionale che fa il punto sulle criticità del territorio parlando di "concentrazione di illegalità diffusa e capillare"

Non è una bella fotografia quella che il rapporto Mare Monstrum 2023 di Legambiente fa dell'Abruzzo. Sebbene alcune cose siano migliorate nella regione “i reati maggiori sono legati al ciclo del cemento e al ciclo dei rifiuti, alla mala depurazione e alla pesca di frodo”. A riferirlo, come riporta l'agenzia Ansa, è Silvia Tauro componente della direzione regionale dell'associazione.

“La particolarità del dato abruzzese è l'alta incidenza dei reati perché laddove il valore assoluto ci pone a metà classifica rispetto ai valori nazionali, l'incidenza dei reati ci dice invece che l'Abruzzo ha una concentrazione di illegalità diffusa e capillare che lo mette al quarto posto nella classifica, con un'incidenza che l'avvicina pericolosamente a quelle regioni a tradizionale infiltrazione mafiosa – aggiunge - I reati più diffusi restano quelli legati al ciclo del cemento e quindi abusivismo, cave illegali e occupazione abusiva del demanio marittimo e in questo senso Legambiente propone soprattutto per rispondere al ciclo del cemento, è la possibilità normativa di abbattere le opere abusive mediante ordinanza dei sindaci e laddove non si sia poi provveduto, intervenire mediante i prefetti. E poi arginare il fenomeno dell'abusivismo e dell'occupazione del demanio marittimo sia per la tutela ambientale sia per la fruizione della cittadinanza”.

La presentazione del rapporto è avvenuta il 4 settembre, una data non casuale dato che, sottolinea il presidente di Legambiente Abruzzo Giuseppe Di Marco, “domani ricorre l'anniversario della scomparsa del sindaco di Pollica Angelo Vassallo, morto in un attentato”.

Un dossier che a livello nazionale “dice che il 50 per cento del problema è legato alla cementificazione e dunque all'esistenza di ecomostri. Per questo diventa fondamentale il lavoro dei sindaci, ma soprattutto dei prefetti. In Abruzzo le problematiche sono varie, per esempio la Regione ha fatto un passo avanti nella gestione del ciclo dei rifiuti con la crescita dei Comuni ricicloni. Noi però ci aspettiamo che entro il 2024 l'Abruzzo realizzi quelle opere necessarie e metta in campo le azioni per migliorare la situazione generale”, aggiunge.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare Monstrum 2023, in Abruzzo troppo i reati legati alla cementificazione, la mala depurazione e la pesca di frodo

IlPescara è in caricamento