rotate-mobile
Attualità

Calano del 26,9% le rapine in banca in Italia nel 2021: stabile il numero di colpi in Abruzzo

Se a livelli nazionale i dati dell'Abi mostrano una significativa diminuzione nell'ultimo anno, nella nostra regione sono state tre le rapina in banca messe a segno, lo stesso numero del 2020

Calano sensibilmente le rapine in banca messe a segno in Italia nel 2021, ma non in Abruzzo. È quanto emerge dai dati diffuso dall'Abi tramite l'Ossif, il centro di ricerca in materia di sicurezza. Lo scorso anno, in Italia, i colpi messi a segno sono calati del 26,9%, passando da 119 del 2020 a 87. In calo anche il cosiddetto indice di rischio - cioe' il numero di rapine ogni 100 sportelli - che e' passato da 0,5 a 0,4. Nella nostra regione, però, il numero di rapine in banca avvenute nel 2021 è invariato rispetto al 2020, ed è pari a 3.

Nel dettaglio nel 2021, nessun colpo in banca in Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Molise, Puglia, Trentino-Alto Adige e Valle d'Aosta. Le rapine sono diminuite in: Calabria (-50%, da 2 a 1), Emilia-Romagna (-70,6%, da 17 a 5), Lombardia (-4,8%, da 21 a 20), Piemonte (-16,7%, da 6 a 5), Sicilia (-11,1%, da 18 a 16), Toscana (-70%, da 10 a 3), Umbria (-25%, da 4 a 3). Invariate oltre che in Abruzzo anche in Campania (9 rapine), Marche (1 rapina), Sardegna (1 rapina) e Veneto (4 rapine). Aumenti si sono invece verificati nel Lazio (con 16 rapine da 9)

Importante il dato se si confronta con la situazione del 2007, con un calo del 97,4% delle rapine allo sportello passando dalle 3.364 del 2007 alle 87 del 2021. Secondo l'Abi, la spiegazione è da ricercare anche dalla collaborazione fattiva fra banche e forze dell'ordine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calano del 26,9% le rapine in banca in Italia nel 2021: stabile il numero di colpi in Abruzzo

IlPescara è in caricamento