rotate-mobile
Attualità Portanuova / Viale Guglielmo Marconi

Parte la raccolta fondi del comitato "Salviamo viale Marconi" per i ricorsi legali contro il nuovo assetto viario

Il comitato ha annunciato sulla pagina Facebook l'avvio della raccolta di fondi necessaria per sostenere le spese legali per il ricorso contro il progetto dell'amministrazione Masci

Non si placano le polemiche sul progetto del nuovo assetto viario in viale Marconi. Dopo il consiglio comunale straordinario, aperto agli interventi esterni, a margine del quale l'amministrazione Masci ha annunciato alcune modifiche ed adattamenti che però non porteranno ad una sospensione dei lavori, il comitato dei residenti e commercianti della zona "Salviamo viale Marconi" ha annunciato ieri 19 gennaio l'avvio della raccolta fondi per sostenere le spese legali per il ricorso proprio contro il progetto del Comune, indicando con un post su Facebook anche tutti gli esercizi commerciali dove poter effettuare una donazione:

"In questo momento anche un piccolo contributo da parte di tutta la cittadinanza è importante, per non lasciare impunito questo comportamento oltraggioso nei confronti di noi cittadini di Pescara Sud, da parte della nostra amministrazione comunale. Uniti ce la faremo. Confidiamo in tutti voi"

Sempre ieri, il capogruppo al Comune del Pd Piero Giampietro aveva postato alcune foto che mostrano l'avvio di nuovi lavori di modifica alle rotatorie realizzate lungo l'asse viario, commentando:

"Pescara merita delle strade come Parigi, anzi no, ci eravamo sbagliati: ricominciamo daccapo (viale Marconi, 18-19 gennaio, si riparte con le modifiche alle rotonde. Si divertiranno proprio tanto)"

Infine questa mattina 20 gennaio il consigliere regionale del Pd Antonio Blasioli ha postato un video che mostra, sempre lungo viale Marconi, come un autobus sia rimasto bloccato nella rotatoria all'incrocio con via Conte di Ruvo, a causa di una macchina parcheggiata fuori posto che impedisce al mezzo pubblico di percorrere la rotonda, provocando disagi e rallentamenti.

L'amministrazione comunale nelle ultime ore ha annunciato l'individuazione di un'area dove potranno essere ricavati altri 80 parcheggi, ovvero l’area di proprietà dell’imprenditore Gildo Ricci, prima occupata dall’ex distributore di benzina posta sul lato monte di via Marconi a ridosso dell’incrocio con via Spaventa, con una capienza teorica di 160 posti auto ma che per ora potrebbe essere sfruttata al 50%.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte la raccolta fondi del comitato "Salviamo viale Marconi" per i ricorsi legali contro il nuovo assetto viario

IlPescara è in caricamento