rotate-mobile
Attualità

"Volano" i sacchi della differenziata porta a porta: ad alimentare le polemiche ci si mette anche il vento [FOTO]

Un cittadino segnala il problema causato dall'assenza di isole ecologiche nei giorni in cui il vento ha soffiato forte in città e la capogruppo Alessandrini fa un "tour" nel quartiere immortalando i sacchi gialli accatastati sui marciapiedi e finiti in strada: "Rinviata l'attivazione in centro, non sanno più come giustificarsi"

Ci si mette anche il vento ad alimentare le polemiche sulla raccolta differenziata porta a porta avviata nella zona sud della città. A sollevare il problema è un cittadino che ha contatto la nostra redazione con nel frattempo la capogruppo del M5s Erika Alessandrini che immortala le grandi buste lasciate sui marciapiedi incalzando sul poco decoro che darebbero alla zona.

Che si sia in una fase di rodaggio l'amministrazione e Ambiente lo hanno detto più volte, ma sul rodaggio si continua ad alimentare il fuoco e il forte vento che in questi giorni ha creato non pochi problemi in Abruzzo, Pescara inclusa, non ha risparmiato i rifiuti lasciati dove oggi di cassonetti non ce ne sono più. “Questo il risultato per l'assenza delle isole ecologiche” ci scrive un cittadino allegando una foto di un'area condominiale di via del Porto dove si vedono carte sparse qua e là. Rifiuti che sarebbero stati lasciati sotto il palazzo, in sostanza, che si sono sparpagliati ovunque.

Il vento fa volare i rifiuti: nuova polemica sul porta a porta

Un tema che tocca anche la Alessandrini che un giro lo ha fatto fotocamera alla mano, nel quartiere nel giorno di conferimento di plastica e lattine che si raccolgono nella busta gialla. “I cassonetti stradali sono stati eliminati dal 'dream team della monnezza' perché erano brutti”, scrive riferendosi al sindaco Carlo Masci, l'assessore Isabella Del Trecco e i vertici di Ambiente. “I sacchi buttati sui marciapiedi in ogni strada del quartiere che ti impediscono anche solo di camminare, invece, sono la quinta essenza della bellezza vero?”. A chi la segue nel post pubblicato chiede anche a quale “canone di bellezza saranno ispirati” a loro parere.

A suo parere la rabbia dei cittadini avrebbe spinto a rivedere l'avvio della raccolta differenziata porta a porta in centro usando come “scusa” afferma, quella dei lavori in piazza Sacro Cuore “come se una piazza fosse un quartiere intero”. Sullo spostamento in realtà comunicazioni ufficiali non ce ne sono, ma se così fosse per Alessandrini la decisione sarebbe solo il tentativo di “giustificare il fatto che qui a Portanuova il flop è stato talmente forte e duro che, già così, restare in piedi sarà un miracolo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Volano" i sacchi della differenziata porta a porta: ad alimentare le polemiche ci si mette anche il vento [FOTO]

IlPescara è in caricamento