rotate-mobile
Attualità

Due protocolli d'intesa fra protezione civile regionale, Anci e Uncem per la sicurezza e tutela del territorio abruzzese

Due distinti documenti inerenti attività di collaborazione in materia di protezione civile sono stati sottoscritti dagli enti e dall'agenzia regionale di protezione civile

Sono stati sottoscritti dall'agenzia regionale di protezione civile, dall'Anci e dall'Uncem Unione nazionale comuni comunità enti montani, due importanti protocolli riguardanti la sicurezza e la tutela del territorio, con particolare riferimento alle aree montane.

I documenti sono stati siglati da Mauro Casinghini, direttore dell’Agenzia regionale di protezione civile, Lorenzo Berardinetti presidente dell’Uncem Abruzzo e dal presidente dell’Anci Abruzzo Gianguido D’Alberto. I due protocolli puntano al rafforzamento della cooperazione tra protezione civile, amministrazioni ed enti diversi chiamati a interagire tra di loro in caso di interventi di protezione civile di interesse comune, oltre che in eventuali altre iniziative volte alla prevenzione dei rischi, all’identificazione degli scenari di pericolosità e alla pianificazione del territorio ai fini di protezione civile.

L'agenzia di protezione civile, che svolgerà compiti di protezione del territorio e dei cittadini, riconosce all'Anci il ruolo di rappresentanza come punto di riferimento organizzativo dei comuni abruzzesi, che a sua volta garantirà la presenza dei suoi rappresentanti durante le discussioni su tematiche di protezione civile e sicurezza dei cittadini. Insieme, l’agenzia di protezione civile e l'Anci si impegnano a diffondere sul territorio strumenti in grado di razionalizzare l’impiego delle risorse, anche finanziarie, disponibili per le attività di protezione civile, intervenendo sufFondazioni bancarie, istituzioni locali e regionali nell’individuare risorse per la formazione di eventuali progettualità territoriali.

Ampio spazio anche alle attività di volontariato di protezione civile nei territori comunali, promuovendo e sviluppando la costituzione di gruppi comunali, intercomunali e sovracomunali. Con l'Uncem, invece, si è stabilito un accordo per svolgere tutela del presidio abitativo nei territori montani, da considerarsi come un obiettivo ineludibile per la tutela delle persone, dei beni e dell’ambiente naturale.

La presenza di insediamenti abitativi in ambiti montani viene, inoltre, considerata nel documento come condizione indispensabile per lo sviluppo di esperienze locali di previsione e prevenzione dell’emergenza, con particolare riferimento alle tecniche di autoprotezione della popolazione, di sorveglianza e monitoraggio del territorio contro il rischio idrogeologico e degli incendi boschivi.

Lorenzo Berardinetti:

“Abbiamo creduto fin da subito in questo progetto messo in piedi grazie alla collaborazione con la protezione civile regionale e in particolare con il direttore Casinghini che ringrazio per l’intuizione e la disponibilità, la sicurezza dei nostri territori e la prevenzione delle emergenze è fondamentale e abbiamo avuto modo di constatarlo negli ultimi anni. Grazie a questa intesa i Comuni montani potranno sviluppare ulteriormente alcuni servizi essenziali portati avanti dai volontari impegnati nel campo della protezione civile spesso fondamentali ha soprattutto per le piccole comunità”.

Il presidente Anci D'Alberto:

“Il protocollo firmato questa mattina è particolarmente importante. Grazie a questo si va a costruire un quadro complessivo di interventi e sinergie in tema di protezione civile che fino ad oggi è mancato e che ci permetterà di affrontare in modo organico e coordinato eventuali future emergenze. Oggi, con questo atto, è stata infatti tracciata una linea per tutti i Comuni, che a prescindere dalle loro dimensioni sono stati in prima linea in modo straordinario, insieme ai sindaci, anche durante la pandemia”. “In quest’ottica il protocollo che abbiamo siglato oggi ci consente di strutturare ancor di più il sistema di protezione civile, che non può e non deve essere inteso come strumento da attivare nel momento dell’emergenza ma che al contrario deve rappresentare un assetto istituzionale permanente in grado di dare risposte alle esigenze dei cittadini. Un contesto in cui valorizzare oggi più che mai il lavoro delle associazioni di volontariato, che con questo protocollo viene messo in rete in maniera ancor più stringente con Comuni e protezione civile regionale in un’azione complessiva di prevenzione e gestione dei rischi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due protocolli d'intesa fra protezione civile regionale, Anci e Uncem per la sicurezza e tutela del territorio abruzzese

IlPescara è in caricamento