Attualità

Anche a Pescara la protesta di "Priorità alla scuola" per dire no alle chiusure e alla didattica a distanza

L'iniziativa di protesta è programmata in 13 città di 10 regioni dopo la mobiitazione iniziativa venerdì in seguito all'ordinanza di chiusura delle scuole in Campania

Anche a Pescara è prevista la mobilitazione del comitato "Priorità alla Scuola" tramite presìdi e flashmob per confermare la contrarietà alla chiusure delle scuole di ogni ordine e grado e il ricorso alla didattica a distanza.
L'iniziativa di protesta è programmata in 13 città di 10 regioni dopo la mobiitazione iniziativa venerdì in seguito all'ordinanza di chiusura delle scuole in Campania. 

Nel capoluogo adriatico l'appuntamento è per le ore 19 in piazza Italia davanti alla prefettura.

Per il comitato il ricorso alla didattica a distanza non può essere la soluzione per problemi, dai trasporti alla gestione sanitaria, per i quali occorre trovare alternative che non ne scarichino il peso su studenti e famiglie. Il Comitato fa inoltre presente che in questo momento le scuole sono sicure, luoghi di monitoraggio e prevenzione per milioni di persone altrimenti fuori controllo.
Lo scopo delle mobilitazioni è quello di dare solidarietà agli studenti e alle famiglie campane e ribadire ancora una volta che il diritto all'istruzione in presenza deve essere garantito a tutti e uniformemente su tutto il territorio nazionale perché un diritto o è di tutti o si trasforma in privilegio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche a Pescara la protesta di "Priorità alla scuola" per dire no alle chiusure e alla didattica a distanza

IlPescara è in caricamento