rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità Castellamare / Via Raffaello Sanzio

Protesta del comitato No Green Pass-Non toccate i minori davanti alla scuola Rossetti contro i vaccini agli studenti

La manifestazione è stata annunciata in concomitanza per la somministrazione dei vaccini anti Covid-19 nella palestra della scuola pescarese prevista domani, sabato 30 ottobre

Una manifestazione di protesta contro la vaccinazione infantile di fronte alla scuola media Rossetti in via Raffaello Sanzio a Pesscara.
È quella che annuncia il comitato No green pass-Non toccate i minori per domani, sabato 30 ottobre, quando nella palestra scolastica saranno somministrati i vaccini anti Covid-19 agli studenti.

L'appuntamento è dalle ore 9 alle 12.

Questo dichiara Francesco Ciattoni organizzatore delle Piazze Abruzzesi: «Tutti i bambini, non importa dove [o le condizioni in cui vivono],  hanno il diritto di crescere in un clima sereno e di accedere alla migliore assistenza sanitaria disponibile. Le vaccinazioni sono certamente un
pilastro fondamentale, ma a oggi le conseguenze della vaccinazione Covid-19 sono in fase di studio sugli adulti e, dunque, dobbiamo ragionare attentamente prima di esporli a conseguenze altrettanto gravi e ignote. I "protocolli eccedenti" adottati da pochi presidi, che [a titolo indicativo ma non esaustivo] non garantiscono ai minori neppure di togliere la mascherina durante le attività fisiche, o non consentono loro di accedere con gli zainetti ma solo con shopper di plastica, stanno generando un clima psicologico deteriorato ed insostenibile, oltre che allarmismi e ansia reattiva permanente in taluni minori».

«Se vogliamo agire concretamente per tutelare la salute dei minori», aggiunge Nico Liberati, membro del gruppo permanente No green pass-Non toccate i minori Abruzzo Marche, «dobbiamo garantire loro felicità e dobbiamo lavorare seriamente per costruire un mondo a misura degli stessi. Come dimostra il Covid-19, i bambini hanno bisogno di fruire di spazi di relazione in sicurezza, il che significa che le scuole debbano essere agibili ed accessibili anche alle persone diversamente abili, nonché dotate di mediateche e biblioteche e impianti di condizionamento [non di finestre aperte anche d'inverno]. Il personale scolastico deve essere, garante di un clima sereno e inclusivo e al tempo stesso altamente formato per gestire le emergenze e prevenirne i disagi. Questi  "santuari dell'istruzione", le scuole non debbono essere trasformate in passerelle per politici e amministratori. Questi ultimi, piuttosto, si dedichino alla realizzazione e gestione dei luoghi in cui i minori debbono essere accuditi ed educati, senza fomentare alcuna sperimentazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta del comitato No Green Pass-Non toccate i minori davanti alla scuola Rossetti contro i vaccini agli studenti

IlPescara è in caricamento