Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

In piazza Salotto per dire no al Ddl Zan: "Restiamo liberi di esprimerci e pensare" [FOTO]

Manifestazione di protesta nel tardo pomeriggio di ieri, domenica 25 luglio, organizzata da Pro Vita & Famiglia

Una manifestazione di protesta contro il Ddl Zan, ritenuto liberticida, è stata organizzata in piazza Salotto (piazza della Rinascita) a Pescara ieri pomeriggio, domenica 25 luglio.
È stato srotolato un bandierone di 600 metri quadrati di libertà rappresentativo della manifestazione.

È sttao svolto un flashmob con tutti coloro che hanno partecipato.

«In Abruzzo», segnala la responsabile territoriale Carola Profeta, «sono sempre più numerose le segnalazioni avute dai genitori rispetto a progetti scolastici o comportamenti di insegnanti che ledevano il principio fondamentale sancito in Costituzione e nella Carta dei diritti dell'Uomo (articolo 26) della priorità educativa in capo alla famiglia. Ci sono temi e argomenti sensibili che la scuola non deve affrontare sulla base di ideologie che potrebbero non essere condivise dall'identità morale ed etica dei genitori. Farlo è un abuso di potere e un abuso sui minori. Per quanto ci riguarda, faremo di tutto per non farci tappare la bocca, continuando a batterci per la nostra libertà».

Questo quanto aggiunge la Profeta: «Tanta la gente che si è fermata per conoscere il motivo della nostra manifestazione, tutti, una volta sentite le nostre posizioni, concordavano sul nostro dissenso contro il Ddl Zan. Ho avuto l'onore e il piacere di conversare per venti minuti con Giuseppe, gay, sposato con un uomo che ci ha raccontato la sua storia e ci ha detto che era d'accordo con noi. Soprattutto sull'educazione ai figli. Ci ha raccontato la sua esperienza personale dove alla propria nipotina, la mamma ha aspettato i 10 anni per spiegare la scelta e il matrimonio dello zio. Ogni genitore sa l'età giusta per parlare di certi temi ai propri figli. I genitori sanno, un'insegnante, un dirigente scolastico, un associazione che viene da fuori a parlare ai nostri figli a scuola no. Non lo può e non lo deve fare. Il gender esiste e Papa Francesco lo ha paragonato al nazismo. Non si può normare l'orientamento di genere, non si possono dare 4 milioni di euro alle associazioni Lgbt per parlare di gender nelle scuole dei nostri figli. Non si può pensare di introdurre il reato di opinione».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In piazza Salotto per dire no al Ddl Zan: "Restiamo liberi di esprimerci e pensare" [FOTO]

IlPescara è in caricamento