rotate-mobile
Attualità Centro / Corso Umberto I

Protesta contro il green pass dei ragazzi della comunità militante "Coscienza e Dovere" in corso Umberto I [FOTO]

I giovani sono scesi pubblicamente in strada per manifestare il loro assoluto dissenso nei confronti delle politiche nazionali che vedono impegnata l’Italia dall’inizio dell’emergenza sanitaria

Gli studenti della comunità militante "Coscienza e Dovere" e il suo gruppo giovanile "Tnt-Studenti e Dinamite" hanno protestato contro il green pass in corso Umberto I a Pescara ieri pomeriggio, domenica 24 ottobre.
«Ogni libertà ci è stata negata come, addirittura, quella allo studio o al lavoro», scrivono in una nota, «non è ammissibile non poter partecipare alle lezione nemmeno più in DaD senza green pass, così come è fuori dal mondo dover pagare per poter lavorare. Abbiamo esaurito la pazienza e non abbiamo intenzioni di starcene zitti! Abbiamo visto ormai, da quasi due anni, che le misure per contrastare la pandemia da Covid-19 non sono servite a un granché, essendo esse tutte state strumentalizzate per scopi di lucro politico-finanziari; adesso ci obbligano perfino a rinunciare alla nostra vita se non sottostiamo ai loro perversi giochi di potere. E non si parla di essere No-Vax o Sì-Vax, No-Pass o Sì-Pass, negazionisti o complottisti; si parla della libertà di cui, molti finti democratici, ne parlano troppo retoricamente: noi, invece, evidenziamo l’esistenza di un limite invalicabile, per cui la Libertà non può essere in alcun modo sostituita dalla paura”: queste le parole del gruppo studentesco, riguardo le motivazioni della loro protesta». 

Questo, inoltre, quanto aggiungono: «Non siamo qui solo per i vari decreti liberticidi di questo Governo ma anche per la pietosa situazione in cui molti studenti pescaresi si sono ritrovati dopo la demolizione del liceo “G. Marconi”. Ci siamo stufati di essere, noi studenti, l’ultima ruota del carro. Noi non siamo un optional ma siamo il futuro della Nazione ed è bene che la scuola, in cui passiamo la maggior parte della nostra gioventù, sia un luogo con una rinnovata dignità e non un magazzino dove sbatterci cinque ore al giorno!».
Così il portavoce del gruppo studentesco ha concluso la manifestazione: «Questi sono i seri problemi ed è ora che la comunità giovanile ne prenda coscienza e si opponga in maniera concreta! La politica ormai si è definitivamente dimostrata per quel che è: inutile».

Protesta contro green pass ragazzi comunità militante Coscienza e Dovere

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta contro il green pass dei ragazzi della comunità militante "Coscienza e Dovere" in corso Umberto I [FOTO]

IlPescara è in caricamento