Pronto soccorso in difficoltà, l'appello di Albani: "Qui solo per patologie gravi, per il resto dal medico di base"

Questa situazione sta portando a una condizione di difficoltà il pronto soccorso dello "Spirito Santo" di Pescara che si ritrova sotto pressione

L'aumento costante dei contagi da Covid-19 (Coronavirus) che si sta registrando anche in Abruzzo nelle ultime settimane sta provocando un conseguente incremento dei ricoveri in ospedale.
Questa situazione sta portando a una condizione di difficoltà il pronto soccorso dello "Spirito Santo" di Pescara che si ritrova sotto pressione.

Il problema è relativo all'impennata di numerose persone ritenute sospetti casi Covid-19 che si aggiungono ai pazienti che giungono nella struttura sanitaria per problemi legati a tutte le altre patologie.

Visto che la situazione inizia a farsi complicata, Alberto Albani, direttore del dipartimento Urgenza-Emergenza lanciano un appello ai cittadini:

«Bisgona rivolgersi al pronto soccorso solo per patologie gravi e importanti, ma non per i tamponi o per patologie banali. Per i tamponi esistono i numeri e le strutture dedicate, mentre per patologie non gravi è consigliabile contattare i medici di base».

Il rischio è quello di provocare un intasamento del pronto soccorso con la conseguenza di non riuscire a fare fronte a tutti i casi. Inoltre è bene rispettare sempre le regole basilari utili a evitare il contagio: indossare sempre la mascherina, mantenere il distanziamento sociale e lavarsi spesso le mani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

  • Diego Armando Maradona e l'Abruzzo, ecco la foto con lo chef Quintino Marcella

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento