Il superstite Matrone sul nuovo rinvio del processo per la tragedia di Rigopiano: "Un'altra beffa, si rispettino vittime e familiari"

Matrone, che sotto la valanga perse la moglie Valentina Cicioni (deceduta insieme ad altre 28 persone), parla di «altra beffa» visto che siamo all'ottavo aggiornamento dell'udienza

Esprime amarezza Giampaolo Matrone, uno dei superstite della tragedia dell'hotel Rigopiano di Farindola dopo l'ennesimo rinvio dell'udienza preliminare decisa ieri dal tribunale di Pescara.
Matrone, che sotto la valanga perse la moglie Valentina Cicioni (deceduta insieme ad altre 28 persone), parla di «altra beffa» visto che siamo all'ottavo aggiornamento dell'udienza.

La nuova udienza è stata fissata per il prossimo 18 settembre.

«Si mantenga almeno la promessa di procedere a cadenza settimanale», dice Matrone, «possibile che non ci sia un po’ di rispetto e di attenzione per Rigopiano, per le sue 29 vittime e per i loro familiari? È un’altra beffa».

Matrone è evidentemente contrariato per l’ennesimo rinvio «di un processo di Stato che vede alla sbarra per ritardi nei soccorsi, omissioni e anche depistaggi svariati rappresentanti (anche i vertici) delle istituzioni, e che è arenato da esattamente un anno, essendo formalmente iniziato il 16 luglio 2019: non si è ancora superata l’udienza preliminare». Sono ormai più di tre anni e mezzo che il pasticciere di Monterotondo rimasto sepolto 62 lunghe, interminabili ore uscendo gravemente menomato, aspetta verità e giustizia, come le famiglie delle altre 28 persone che hanno perso la vita in quell’hotel.

«Ma per una tragedia come Rigopiano sono normali otto rinvii? In un anno? Noi non ce la facciamo più», aggiunge Matrone, che è assistito da Studio3A-Valore Spa, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, e dall’avvocato Andrea Piccoli, «capisco l’emergenza sanitaria, ma il tribunale di Pescara sapeva bene che il 10 luglio era stata fissata un’udienza, peraltro a sua volta rinviata dal 27 marzo, ed era perfettamente consapevole che l’aula 1 dove finora si è celebrato il processo non bastava, con le norme di distanziamento, ad accogliere tutte le 260 persone attese tra parti civili, imputati e avvocati. Perché non è stata trovata una soluzione logistica alternativa in tempo? E come ci si è organizzati per settembre attraverso video collegamenti con altre aule, perché non si poteva procedere anche adesso in tal senso?».

L’unica buona notizia, commenta ancora Matrone, è data dall’impegno assunto dal tribunale a tenere le udienze, da settembre a fine anno, a cadenza settimanale, i venerdì, in modo da ultimare quanto meno la fase preliminare per il 2020, iniziando finalmente il dibattimento verso e proprio nel 2021: «Una calendarizzazione che però andava stabilita fin da subito, dal luglio del 2019 e con l’auspicio che venga rispettata e che non sia l’ennesima promessa non mantenuta. In questi anni ne abbiamo ricevute tante, troppe».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Tragedia nel Pescarese, pensionato rimasto vedovo si toglie la vita

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

Torna su
IlPescara è in caricamento