rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Attualità

Nel 2021 erogate oltre 4.100 prestazioni nel centro di terapia del dolore dell'ospedale

I dati riguardanto l' l’ambulatorio del Centro di Terapia del Dolore dell'ospedale “Spirito Santo” di Pescara

Sono oltre 4.100 le prestazioni erogate nel 2021 dal Centro di terapia del dolore dell'ospedale "Santo Spirito" di Pescara. Lo ha fatto sapere la responsabile del servizio di terapia del dolore Donatella Bosco  dell'Uoc di terapia intensiva, anestesiologia e terapia del dolore diretta da Rosamaria Zocaro, con un'attività concentrata su prestazioni ambulatoriali, intraospedaliere e territoriali del dolore benigno ed oncologico, sia acuto che cronico, sia pediatrico che per adulti.

“Grazie ad un potenziamento dell’organico si sta incrementando l’attività di assistenza territoriale con visite a domicilio. L’attività del centro è portata avanti da un gruppo motivato e preparato, formato da medici, infermieri e oss che utilizzano tecnologie moderne per la gestione del paziente affetto da patologie dolorose sia acute che croniche”.

Le principali patologie sono dolore oncologico, mal di schiena associato a radicolopatia come lombosciatalgia/lombocruralgia, cervicobrachialgia, fibromialgia, neuropatia diabetica, neuropatia post-herpetica, dolore da artrosi, dolore nelle malattie reumatiche. Trattate anche urgenze algologiche dei pazienti con dolore acuto o riacutizzato inviati dal pronto soccorso,  consulenze algologiche nei reparti di degenza ordinaria e day hospital, gestione dei pazienti seguiti in adi, prevalentemente per dolore oncologico, ma anche per pazienti fragili affetti da dolore non oncologico trattati con terapie antalgiche parenterali continue.

Due gli approcci fondamentali, quello farmacologico e quello interventistico come spiega la Zocaro, aggiungendo che la terapia del dolore va personalizzata su ogni paziente in mase a molto fattori: dalle condizioni cliniche, alla gravità e tipo di dolore e l'impatto che produce sulla qualità della vita:

"Questo richiede tempo e attenzione nella presa in carico dei pazienti. L’attuale logistica deve essere potenziata, l’azienda sta realizzando nuovi locali che saranno consegnati nei prossimi mesi, che consentiranno di fronteggiare la grande richiesta che arriva dal territorio e da tutti gli altri setting assistenziali. Il nostro gruppo è in prima linea anche per l’impianto di accessi vascolari (cateteri vascolari) a breve, medio e lungo termine come cateteri venosi centrali, mini-midline, picc, cateteri tunnellizzati e port-cath, nei pazienti onco-ematologici e pazienti critici acuti e cronici, sia adulti che pediatrici”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 2021 erogate oltre 4.100 prestazioni nel centro di terapia del dolore dell'ospedale

IlPescara è in caricamento