rotate-mobile
Attualità

Il presidente dell'ordine degli avvocati pescaresi: "Sì all'udienza scritta in appello"

Come riporta l'Ansa, Giovanni Di Bartolomeo ritiene che "tra le cose che ci possiamo portare nel post Covid sicuramente ci sono l'udienza scritta in appello e l'udienza anche scritta per la precisazione delle conclusioni in primo grado"

Il presidente dell'ordine degli avvocati pescaresi, Giovanni Di Bartolomeo, dice sì all'udienza scritta in appello. Come riporta l'Ansa, infatti, Di Bartolomeo ritiene che "tra le cose che ci possiamo portare nel post Covid sicuramente ci sono l'udienza scritta in appello e l'udienza anche scritta per la precisazione delle conclusioni in primo grado":

"Per quanto riguarda l'accesso agli uffici di cancelleria - spiega - sono stati individuati degli accorgimenti, con prenotazioni on line con due giorni di attesa, oppure quando c'è l'urgenza si va in presenza se ci sono degli spazi per farlo".

A parte la criticità del giudice di pace, tra la mancanza della possibilità del processo telematico e la carenza di organico, "le cose funzionano al meglio - afferma Di Bartolomeo - Abbiamo un presidente del tribunale tra l'altro molto attento a tutto ciò che riguarda l'attività e l'emergenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presidente dell'ordine degli avvocati pescaresi: "Sì all'udienza scritta in appello"

IlPescara è in caricamento