rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Attualità

Primi rinforzi per la polizia locale: in servizio sette nuovi ufficiali e arrivano altri agenti, ma ne servono di più

La presentazione si è svolta alla presenza del vicecomandante Massimilano Giancaterino nel corso della commissione Sicurezza presieduta da Armando Foschi che annuncia l'arrivo dei nuovi agenti prima dell'estate e il concorso per le nuove assunzioni, ma per Pescara che conta 130 uomini, le unità che servirebbero sono almeno 230

Primi rinforzi per la polizia locale: sette nuovi ufficiali sono entrati nel copro il primo dicembre e nei prossimi mesi arriveranno altri sette-otto agenti di categoria C “attraverso la mobilità da altri enti. Soprattutto entro il 2024 scatterà il nuovo concorso, sempre per categoria C, che consentirà di potenziare prima dell’estate l’organico al fine di garantire maggiore serenità nell’organizzazione dei servizi”.

Ad annunciarlo è il presidente della commissione comunale Sicurezza del territorio Armando Foschi al termine della seduta che ha visto la presenza del vicecomandante della polizia locale Massimiliano Giancaterino e di tre dei primi nuovi ufficiali entrati in servizio, sottolineando che bisogna continuare a lavorare per dare a Pescara i numeri “giusti” di agenti che dovrebbero essere, spiega, almeno 230 a fronte dei 130 oggi presenti.

Questi i nomi di tutti e sette: il maggiore Giuseppe D’Alessio ex carabiniere con esperienze nella polizia locale maturate a Novara, Como e Lucera, responsabile del settore Tutela Ambientale; il maggiore Goffredo Baldassarre entrato nella polizia locale nel 2009; il maggiore Anna Longo; il maggiore Terenzio Di Censo; il capitano Antonio Fasciani; il maggiore Ignazio Tartaro e il maggiore Lucio Salce.

“Il tema della sicurezza è sicuramente strategico per la nostra amministrazione comunale – ricorda Foschi -, specie in un momento storico come quello che stiamo vivendo e in cui i cittadini hanno bisogno di avvertire la presenza delle Istituzioni sul territorio. Sicuramente una presenza evidente delle divise in strada, lungi dall’apparire come una ‘militarizzazione’, è piuttosto un segno di impegno, di garanzia, di tutela della popolazione, che richiede anche un rinforzo numerico ed esperienziale delle forze in campo, a partire dalla polizia locale che è il nostro primo biglietto da visita sulla città”.

Rinforzi che devono dunque essere “visibili” e dispiegati nel modo giusto in una città che conta 120mila abitanti, rimarca il presidente di commissione, e il cui numero “durante le ore diurne si moltiplicano o addirittura triplicano per lavoro, studio o tempo libero: occorrerebbero almeno 230-250 agenti effettivi di polizia locale, e invece oggi Pescara ha solo circa 130 agenti. È su questo dato che dovremo lavorare come maggioranza, soprattutto nell’ottica della Nuova Pescara, che imporrà un ulteriore rafforzamento della politica sulla sicurezza”, conclude.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primi rinforzi per la polizia locale: in servizio sette nuovi ufficiali e arrivano altri agenti, ma ne servono di più

IlPescara è in caricamento