rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

Coronavirus, la Asl di Pescara: "Polmoniti di gran lunga superiori a quelle diagnosticate"

A scriverlo è la Asl nella relazione che ha inviato alla Regione Abruzzo ieri, mercoledì 18 marzo, e che ha portato all'ordinanza che istituisce le zone rosse

I casi di polmoniti a Pescara e nell'intera nostra provincia sono superiori a quelle finora diagnosticate.
A scriverlo è la Asl nella relazione che ha inviato alla Regione Abruzzo ieri, mercoledì 18 marzo, e che ha portato all'ordinanza che istituisce le zone rosse.

Questo quanto messo nero su bianco dalla Asl pescarese in merito al contagio da Covid-19 (Coronavirus):

«Il costante incremento di nuovi casi dimostra che il numero degli affetti con interstiziopatia polmonare è di gran lunga superiore al numero dei casi già diagnosticati e il ritmo dei ricoveri nelle ultime giornate (20-30 al dì) appare essere la progressiva immersione di una base di diffusione nel territorio di più ampia di quanto sin qui documentato. Alla luce delle considerazioni complessive sopra riportate, appare opportuno, onde evitare l'aumento del contagio nell'area Montesilvano Pescara, che potrebbe produrre un aumento dei casi ingestibile con particolare riguardo alla necessità di terapie ventilatori e salvavita, mettere in atto ogni possibile azione volta ad evitare l'ulteriore diffusione del virus in queste zone». 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la Asl di Pescara: "Polmoniti di gran lunga superiori a quelle diagnosticate"

IlPescara è in caricamento