Polizia municipale, dubbi sull'agibilità del comando di Pescara

È il quesito, che sembrerebbe ancora senza risposta, che ripropone Armando Foschi dell'associazione Pescara Mi Piace

È agibile l'edificio di via del Circuito che ospita il comando della polizia municipale di Pescara?
È il quesito, che sembrerebbe ancora senza risposta, che ripropone Armando Foschi dell'associazione Pescara Mi Piace.

«Sono quattro mesi», ricorda l'ex consigliere comunale, «che il Corpo della polizia municipale di Pescara e le relative sigle sindacali attendono di sapere dal sindaco Alessandrini se l’edificio che ospita il Comando, in via del Circuito, sia agibile o meno, se sia dotato o meno dei requisiti antisismici e del certificato antincendio. Sono quattro mesi che il sindaco Alessandrini non si è degnato neanche di rispondere ai propri vigili urbani, a quegli agenti che ogni giorno rischiano la vita in strada e che dovrebbero rappresentare il braccio operativo dell’amministrazione comunale».

Per queste ragioni, fa sapere Foschi, l'associazione "Pescara-Mi piace", «raccogliendo il quesito dei sindacati, sottoporrà la problematica alla commissione Vigilanza e Sicurezza chiedendo la convocazione urgente di una seduta ad hoc alla presenza delle Rsu degli agenti, dei tecnici comunali e del sindaco stesso per avere risposte certe e immediate». 

Foschi ricorda poi come nella lettera inviata dai sindacati lo scorso settembre si legga che «le scriventi organizzazioni sindacali hanno appreso che la scuola Michetti, che comprende anche il Comando di polizia municipale, stando ai documenti ufficiali, non risulta dotata dei criteri di agibilità in quanto priva dei requisiti sismici e della certificazione di prevenzione incendi. I fatti appresi sono preoccupanti e i lavoratori vengono tenuti all’oscuro di ciò che direttamente li riguarda. Le scriventi Organizzazioni sindacali chiedono di fare immediata chiarezza in merito a quanto appreso e di conoscere quali provvedimenti verranno adottati al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori della Polizia municipale».

«Sono trascorsi quattro mesi», conclude Foschi, «e sulla vicenda è sceso un vergognoso silenzio: nessuno ha ritenuto di rispondere alla richiesta delle organizzazioni sindacali e del comandante Maggitti, né i tecnici, né gli amministratori, né tantomeno i dirigenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Coronavirus, un paziente risulta positivo al test: primo caso in Abruzzo

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus in Abruzzo, il direttore Parruti: "Non andate in pronto soccorso"

Torna su
IlPescara è in caricamento