La richiesta del sindacato di polizia Fsp dopo l'aggressione all'agente: "Dotare i poliziotti di Taser"

La segreteria provinciale evidenzia come l'arrestato sia stato sottoposto esclusivamente all'obbligo di firma e chiede maggiori tutele per gli agenti

Maggiori tutele e garanzie per gli agenti di polizia in servizio, vittime sempre più spesso di aggressioni violente. A chiederle la segreteria provinciale del sindacato di polizia Fsp che commenta il grave episodio avvenuto qualche sera fa quando un agente è stato aggredito e ferito a Pescara da un marocchino appena scarcerato e destinatario di decreto d'espulsione, durante un semplice controllo.

Il sindacato evidenzia che il marocchino è stato rilasciato e sottoposto ad obbligo di firma, mentre il collega dovrà patire per parecchio tempo le lesioni riportate:

In questo momento storico, in cui più che mai gli appartenenti alle forze dell’ordine appaiono esposti alla violenza, riteniamo che si debba parlare di incrementare forme e modi di salvaguardia dell’integrità fisica e professionale – ad esempio dotando il personale del Taser o stabilendo protocolli operativi certi - e non certamente di depotenziare i pochi strumenti normativi di tutela che ci riguardano

Ricordiamo che l'episodio di violenza è stato duramente condannato dal sindaco Masci che ha espresso tutta la solidarietà del Comune e della città all'agente ferito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • L'Abruzzo rimane zona rossa, tutte le regioni restano nell'attuale fascia di appartenenza

  • Tragedia nel Pescarese, pensionato rimasto vedovo si toglie la vita

Torna su
IlPescara è in caricamento