rotate-mobile
Attualità

Parte il cantiere per la realizzazione della ciclabile del ponte di Villa Fabio

Da oggi i lavori, conferma l'assessore Luigi Albore Mascia: a breve via anche a quello per la sopraelevata destinata alle due ruote in via De Gasperi, l'obiettivo è connettere tutta la città

Con un'ordinanza del 25 ottobre si apre ufficialmente il cantiere per la realizzazione della pista ciclabile del ponte di Villa Fabio, ai più noto come il ponte Capacchietti.

Da oggi la carreggiata sarà ristretta all'intersezione con la statale 16 bis e con via Aterno garantendo comunque la circolazione, per consentire la realizzazione dei lavori di un ulteriore tratto di ciclabile per un investimento complessivo di 197 mila euro. Una ciclabile che si collegherà al lungofiume sud, via Aterno-via Orione e Valle Roveto fungendo da snodo per gli amanti delle due ruote. Una corsia preferenziale quella prevista dal progetto in capo all'assessorato di Luigi Albore Mascia per cui sarà realizzata apposita segnaletica, non solo nell'ottica della creazione di una chiara rete delle ciclovie cittadine, conoscendo chilometraggi e tempi di percorrenza, ma anche in quella della sicurezza per cui sarà realizzata apposita illuminazione al led della ciclabile così che sia chiaramente visibile alle auto che percorrono la carreggiata, come conferma l'assessore.

A giorni, conferma, anche l'avvio del cantiere atteso ormai da due anni, per la realizazione della ciclabile sopraelevata che sarà realizzata nel sottopassaggio di via De Gasperi nel tratto della rotatoria che incrocia via Chieti e via Teramo. Un altro progetto che rientra in quello complessivo della creazione di una rete destinata alle due ruote che connetta tutto il territorio cittadino.

“In cantiere – aveva infatti detto lo stesso Mascia il 23 settembre – grazie ai fondi del pnrr (piano nazionale di ripresa e resilienza – realizzeremo altri 11 chilometri di piste ciclabili così da poter raggiungere nel breve volgere di un anno un anno e mezzo oltre 40 chilometri di piste con sempre più vicino l'obiettivo dei 50 chilometri che consentono ai fruitori delle biciclette di attraversare al città in tranquillità”. Occasione in cui aveva fatto sapere che nelle strade in cui sarà garantito il transito dei cosiddetti utenti deboli, sarà modificato il limite di velocità portandolo a 30 chilometri orari, cosa già prevista, tra l'altro oltre che per viale Marconi dove però spazio per le due ruote ad oggi non c'è, e per via Regina Margherita dove parte della nuova pista ciclabile è stata già inaugurata e dove i lavori dovrebbero essere completati in poche settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte il cantiere per la realizzazione della ciclabile del ponte di Villa Fabio

IlPescara è in caricamento