menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La proposta degli ambientalisti: "ll pino coricato del parco Di Cocco come albero identitario della città"

Le associazioni ambientaliste Conalpa, Aiapp e Pro Natura tornano a proporre la valorizzazione dello storico pino che si trova nel parco dell'ex caserma Di Cocco

Le associazioni ambientaliste Conalpa, Aiapp Abruzzo e Pron Natura Abruzzo tornano a chiedere una valorizzazione ufficiale ed un riconoscimento per il pino coricato che si trova all'interno del parco dell'ex caserma Di Cocco a Pescara. L'albero da sempre suscita stupore, fascino ed attrazione nei cittadini e utenti dell'area verde, e già nel 2014 le associazioni avevano proposto di valorizzare quell'albero, tanto da farlo diventare un vero e proprio simbolo ed emblema del patrimonio arboreo della città.

Tuttavia questo Pino d'Aleppo che cresce sdraiato merita di diventare qualcosa di più che un anonimo albero cittadino. La nostra proposta è quella di renderlo l'albero identitario della Pescara verde, importante quanto la Riserva Dannunziana, testimone del nostro antico paesaggio. Ha fatto storia questo albero coricato, è stato tutelato, protetto, salvato dagli atti vandalici, adesso è necessario farlo vivere nella memoria collettiva, trasformarlo in un punto di riferimento imprescindibile.

Il parco, evidenziano gli ambientalisti, è desolato e quindi occorrerebbe aumentare la biodiversità inserendo aiuole, piante officinali ed altre piante mediterraneee come lentischi, filliree, lavande . Il pino coricato, dunque, potrebe diventare un affascinante laboratorio di educazione ambientale coinvolgendo scuole di ogni ordine e grado, esperti e fotografi naturalisti. Un microcosmo ed un habitat autonomo tutto da scoprire, ed assieme ad altre piante il parco diventerebbe più attrattivo concludono le associazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento