rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Attualità

Coronavirus, Pescara città spettrale dopo l'ultimo decreto del Governo ma già pronta a ripartire

Il capoluogo adriatico è apparso fin dalla mattina quasi deserto e spettrale

Gli effetti dell'ultimo decreto del Governo annunciato ieri sera dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte si sono visti in maniera evidente a Pescara nella giornata odierna, martedì 10 marzo.
Il capoluogo adriatico è apparso fin dalla mattina quasi deserto e spettrale.

Davvero poche le persone sui marciapiedi e le automobili lungo le strade. E nei supermercati in tanti hanno fatto la spesa ma in modo ordinato senza ripetere le scene da psicosi della scorsa notte.

I soliti rumori di una città come la nostra, sempre poco silenziosa, sono apparsi davvero surreali ma hanno anche consentito di tornare a udire, soprattutto nelle strade alberate, il cinguettio degli uccelli. Dunque tanti concittadini hanno recepito il messaggio inviato ieri da Conte e hanno deciso di restare in casa.
Disagi e ripercussioni evidenti però per la categoria dei commercianti che chiede interventi a tutela con sospensione dei pagamenti Iva, delle tasse e delle imposte comunali vista la situazione di evidente emergenza. Diversi negozianti, dopo i bassi incassi dei giorni scorsi, questa mattina hanno preferito non aprire proprio, mentre diversi altri, interpellati, hanno dichiarato che già da oggi pomeriggio o al massimo da domani resteranno con le saracinesche abbassate perché non vale la pena restare aperti senza la clientela. 

Siamo tutti chiamati a cambiare le nostre abitudini e a rinunciare a qualcosa ma dobbiamo farlo per il bene di tutti visto che le categorie più deboli rischiano seriamente di subire conseguenze gravi e mortali per un virus, come il Covid-19, la cui contagiosità è alta. E quasi ognuno di noi ha in casa una persone vulnerabile. Siamo certi che Pescara, come del resto tutto il Paese, potrà tornare a vivere come sempre. Se tutti saremo responsabili riusciremo ad arrestare la diffusione del contagio e tornare al più presto alla nostra routine, che molte volte ci sta stretta.

«Pescara ha sempre saputo reagire e risorgere, ce la farà anche questa volta», dice il sindaco Carlo Masci.

Pescara città spettrale 10 marzo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Pescara città spettrale dopo l'ultimo decreto del Governo ma già pronta a ripartire

IlPescara è in caricamento