rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Attualità

La città di Pescara aderisce al programma per contrastare il "diabete urbano"

Durante l'evento che si è tenuto venerdì 15 luglio “Dalla scoperta dell’insulina alla lotta al diabete urbano” è stata presentata l’adesione della città di Pescara a “Cities Changing Diabets” per contrastare il dilagare dei casi di diabete nella popolazione

Anche Pescara entra a far parte del programma a “Cities Changing Diabets”, il programma di Health City Institute HcI Italia, che già impegna numerose città e realtà a livello internazionale sulle sfide al diabete correlate
all’urbanizzazione. L'ufficializzazione dell'adesione è arrivata durante il convegno che si è tenuto lo scorso 15 luglio a Pescara nella sala Tosti dell'Aurum, dal titolo “Dalla scoperta dell’insulina alla lotta al diabete urbano”. Il diabete urbano è una malattia metabolica che colpisce le persone che vivono in città e metropoli, a causa delle cattive abitudini alimentari, stili di vita sedentari che hanno un impatto sul rischio di sviluppare il diabete.

Abitudini e lavori sedentari, alimentazione sregolata ed eccessiva, scarsa o nulla attività fisica sono tra le caratteristiche della vita cittadina che favoriscono lo sviluppo di obesità e diabete di tipo 2. La prolungata emergenza pandemica, con le limitazioni agli spostamenti e alle attività sportive e l’incentivazione del telelavoro da casa, ha persino contribuito ad aggravare il problema, favorendo ulteriormente la tendenza alla sedentarietà. Oggi, nelle città vive il 64 per cento delle persone con diabete, ma si tratta di un numero destinato a crescere.

Per frenare questa avanzata di casi occorre un cambio e una modifica degli stili di vita, educativi e culturali a partire dalle nuove generazioni. Nella Asl di Pescara un ruolo fondamentale è svolto dall’Unità operativa complessa territoriale di endocrinologia e malattie metaboliche, diretta da Agostino Consoli, che organizza l’assistenza alle persone con diabete in piena adesione ai dettami del Pdta  Regionale. Una struttura, peraltro, altamente
informatizzata, che recentemente si è dotata di un sistema di Telemedicina connesso alla cartella elettronica. I numeri sono importanti: solo nel 2021 la struttura ha erogato 18.000 prestazioni di diabetologia in circa 10.000 pazienti ed oltre 12.000 prestazioni di endocrinologia in circa 9.000 pazienti.

Il direttore generale della Asl Ciamponi e Consoli hanno dichiarato:

"Siamo particolarmente contenti che sia firmata ufficialmente la Urban Diabetes Declaration che testimonia l’impegno che l’amministrazione comunale di Pescara, rappresentata dal Sindaco Masci, insieme alle amministrazioni di decine di altre città metropolitane ha preso per rendere la Città di Pescara sempre più salutare, disegnando per essa percorsi di urbanizzazione sostenibile e valorizzando le tante risorse – a cominciare dal
mare – che possono permettere a Pescara di diventare una città il meno “obesogena” ed il meno “diabetogena” possibile”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città di Pescara aderisce al programma per contrastare il "diabete urbano"

IlPescara è in caricamento