rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Attualità Città sant'angelo

Pesca sportiva, la denuncia di Nuovo Saline Onlus: "Nessun rispetto per l'ambiente"

Ecco cosa resta nei pennelli costieri dove si pratica la pesca sportiva. Mancanza totale di rispetto verso l'ambiente e verso sé stessi. La denuncia di Nuovo Saline Onlus

Rifiuti e degrado alla foce del Saline, causato spesso dai pescatori sportivi. Non è un attacco incondizionato e generalizzato alla disciplina della pesca sportiva e a tutti i suoi praticanti, molti dei quali dimostrano essere scrupolosi e attenti alla pulizia e alla tutela dell'ambiente circostante. Il dito puntato è indirizzato a quegli individui che infangano un'intera categoria con atti di inciviltà evidenziati e documentati dall'associazione "Nuovo Saline Onlus".

TAGLIA ALBERI LUNGO IL SALINE, DENUNCIATO

Le foto diffuse, scattate al pennello di costa che delimita la foce del fiume, illustrano chiaramente una situazione inaccettabile dal punto di vista ambientale e civile.Bottiglie di vetro, lattine, buste di pastura, esche e matasse di filo di nylon abbandonate sugli scogli e sul bagnasciuga.

Rifiuti Foce Saline

Segno inconfondibile del passaggio di pescatori improvvisati e irrispettosi del divieto posto in quel tratto che proibisce la pratica della pesca in ogni sua forma. Le azioni repressive e preventive dei reati ambientali portate avanti dalle forze dell'ordine sono così annullate per mancata vigilanza del territorio. In una nota, pubblicata da "Nuovo Saline Onlus", viene lanciato un appello "...  a quei pochi pescatori sportivi responsabili (che portano via i propri rifiuti e non infrangono i divieti) di denunciare chi trasforma la pesca sportiva in un eco-crimine" 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca sportiva, la denuncia di Nuovo Saline Onlus: "Nessun rispetto per l'ambiente"

IlPescara è in caricamento