Attualità Scafa

Un solo pediatria per 1.900 bambini del distretto sanitario di Scafa dal 13 ottobre, nuova protesta dei genitori

Torna d'attualità il problema della mancanza di medici pediatri nel distretto sanitario dei 13 comuni della Val Pescara

Si rialza la voce dei genitori che denunciano la mancanza di pediatri per i 13 comuni del distretto sanitario di Scafa.
Come fa sapere Silvia Gioffrè, portavoce dei genitori del distretto sanitario di Scafa, lo scorso 20 settembre, c'è stato un incontro a Scafa con i sindaci del distretto, Guerino Testa e il direttore sanitario della Asl Antonio Caponnetti.

L'incontro è scaturito dalla richiesta di un terzo pediatra dal momento che i due pediatri attualmente operanti sono entrambi massimalisti  e si ritrovano addirittura a fare "orario continuato" per garantire un servizio che talvolta non riescono a garantire poichè spesso non hanno spazi liberi per un appuntamento.

«E siamo solo a settembre», ricorda Gioffrè, «ma durante il colloquio siamo stati informati del fatto che il 12 ottobre il dottore che doveva essere trasferito, attualmente operante nel nostro distretto, sarebbe andato via e che comunque sarebbe stato sostituito da un'altra dottoressa già individuata. Se non c'è mai limite al peggio, in data 23 settembre, quindi solo 3 giorni dopo, il comitato aziendale permanente di pediatria di libera scelta, si è riunito, e dopo il rifiuto dell'incarico da parte della dottoressa individuata alla sostituzione del medico trasferito, hanno stabilito che tutti i bambini del distretto sanitario di Scafa saranno presi in carica dall'unica dottoressa rimasta. 1900 bambini (senza contare quelli già scappati verso i medici di base a causa di questa incresciosa situazione) per una sola dottoressa! Contando che già oggi, ancora in due, sono costretti a ricorrere a un orario continuato, manco fosse una catena di supermercati, è facilmente intuibile come non potrà essere in alcuna maniera gestita questa situazione. È vero, il comitato aziendale dei pediatri ha dato possibilità di spostarsi nei distretti limitrofi, ma davvero credete che per noi genitori sia una soluzione buona? Vorrei far presente che quando portiamo i nostri figli dal pediatra, non li stiamo portando al parco a giocare con gli amichetti nè li portiamo sempre e solo per una visita di controllo crescita, ma ahimè se li portiamo è perchè probabilmente si sentono poco bene e un bambino che si sente poco bene non è di facile gestione per lunghi viaggi da un distretto a un altro per poi aspettare anche un paio d'ore il proprio turno, senza parlare delle varie situazioni di disabilità che ci sono e che sicuramente faranno ancor più fatica in una situazione come questa».

I genitori denunciano che «di fatto il 13 ottobre prossimo, il distretto sanitario di Scafa, ben 13 comuni, resterà con un solo pediatria! Regione Abruzzo dà la colpa alle normative nazionali, la Asl dà la colpa ai sindacati dei pediatri, i sindacati danno colpa a Regione e Asl , per questo motivo abbiamo invitato, certi che non mancheranno, per la prossima settimana, a Scafa, i rappresentanti dei sopra citati e del comitato aziendale dei pediatri, a un incontro con genitori e sindaci, affinchè possano spiegarci realmente chi ha competenza su cosa e chi può fare cosa per risolvere definitivamente questa vergnogna! Adesso pare addirittura che la colpa sia dei pediatri che si rifiutano di accettare l'incarico nel nostro distretto o che non ci siano proprio più pediatri in giro. A tal proposito, molti di noi genitori hanno messo come immagine di copertina facebook, in maniera provocatoria ma anche no, l'immagine allegata, Cercasi pediatra per il distretto sanitario di Scafa, offriamo ottima location a 20 minuti dal mare e 20 minuti dalla montagna , alcuni dei nostri sindaci, offrono locali comunali gratuiti da adibire a studi medici, contattateci se interessati...stiamo sfiorando la pazzia,ma per garantire un diritto come quello della salute per i nostri figli, siamo pronti a tutto e non ci fermeremo davanti a nulla!».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un solo pediatria per 1.900 bambini del distretto sanitario di Scafa dal 13 ottobre, nuova protesta dei genitori

IlPescara è in caricamento