rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Coronavirus, Parruti a Tagadà su La7: "Ricoverati sempre più giovani e più gravi"

Il direttore dell'unità operativa complessa di Malattie Infettive fa il punto sulla situazione attuale dell'ospedale di Pescara

Giustino Parruti, direttore dell'unità operativa complessa di Malattie Infettive dell'ospedale "Spirito Santo" di Pescara è stato ospite di Tagadà, la trasmissione di La7, nella puntata andata in onda oggi pomeriggio, martedì 9 marzo.
L'inviato del programma condotto da Tiziana Panella, Alessio Schiesari, era nella nostra città per cercare di capire come mai dopo un mese di zona rossa non si abbassi la curva dei contagi da Covid-19.

Al microfono, Parruti ha raccontato quale sia la situazione dell'ospedale che conta più di 300 ricoverati. Il veloce aumento di coloro che hanno necessità di cure ospedaliere ha portato ad aumentare i posti letto a disposizione recuperandoli anche al di fuori dell'ospedale Covid. «Il reparto Covid è sempre pieno», spiega Parruti, «non ci sono posti liberi e sono in attesa di ricovero una decina di pazienti ora nel pronto soccorso». Alla domanda della conduttrice su cosa vedesse di diverso nel suo reparto rispetto a un anno fa Parruti risponde così: «Vedo di diverso il numero di giovani ricoverati con patologie gravi e il numero di quadri più gravi rispetto alle altre due ondate e la difficoltà che facciamo a controllare questi quadri con una capacità di progressione clinica davvero importante. Nonostante l'esperienza acquisita questi malati sono molto più difficili da curare rispetto ai precedenti». 

Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Coronavirus, Parruti a Tagadà su La7: "Ricoverati sempre più giovani e più gravi"

IlPescara è in caricamento