La gestione del parco di piazza Santa Caterina affidata all'associazione Umana Dimora

A farlo sapere è Armando Foschi, presidente della commissione Sicurezza, che informa come l'affidamento sia avvenuto nei giorni scorsi a chiusura della gara d'appalto

È stata affidata all'associazione ambientalista "Umana Dimora" la gestione del parco di piazza Santa Caterina a Pescara.
A farlo sapere è Armando Foschi, presidente della commissione Sicurezza, che informa come l'affidamento sia avvenuto nei giorni scorsi a chiusura della gara d'appalto.

«L'affidamento», spiega Foschi, «rappresenta il primo, e non unico, step per attivare la sorveglianza attiva dell’area, una prima misura per garantire la vivibilità del parco e della piazza, che sicuramente non risolverà tutti i problemi di ordine pubblico del quartiere, ma comunque rappresenta un valido ausilio per riportare utenti e attività culturali e d’intrattenimento in un parco che per troppo tempo è stato frequentato solo da clochard in stato di ebrezza alcolica. Ora parte l’esperimento, e nel frattempo torneremo a incontrare i residenti per continuare ad ascoltare problematiche ed esigenze».

L'associazione Umana Dimora, è stata rappresentata da Oscar Ruperto nel corso della seduta della commissione, è presieduta da Franco Lacchè. Per contratto, ha assunto una serie di oneri, ovvero: la pulizia dell’area tutti i giorni, domenica compresa; il taglio dell’erba dei prati ogni 15 giorni; la vigilanza e sorveglianza, con la presenza quotidiana all’interno dell’area verde di una o più persone che controllino il corretto comportamento all’interno del parco e l’efficienza delle strutture, almeno per otto ore al giorno. La stessa associazione, invitata a riferire in commissione, ha poi dichiarato che la presenza quotidiana dei soci comporterà un controllo diretto e costante per il regolare svolgimento delle attività; l’associazione si avvarrà della collaborazione di altre associazioni esperte nei vari settori per organizzare attività ricreative, culturali e ludiche rivolte ai bambini; corsi per bambini e adolescenti aventi a oggetto l’educazione civica, socio-culturale e alimentare, la gestione della raccolta differenziata e del riciclo; tali attività saranno realizzate all’interno della struttura che potrà ospitare anche incontri di lavoro, riunioni aziendali e condominiali i cui proventi verranno destinati al perseguimento degli obiettivi previsti nel bando di gara; poi ancora la realizzazione di eventi culturali ed enogastronomici con il coinvolgimento non solo dei residenti, ma di tutta la cittadinanza; il potenziamento del Parco Giochi e installazione di bike-sharing; l’installazione di strutture per la ricarica di telefonini e tablet con disponibilità di wi-fi gratuito; la piantumazione a scopo didattico di specie arboree anche in collaborazione con il Comune.

Umana Dimora, fa sapere Foschi, ha anche presentato un progetto di massima per la realizzazione, entro i primi tre anni di gestione, di un chiosco all’interno del parco sostenendo una spesa pari a 45 mila euro, che verrà scomputata con l’esonero dal pagamento del canone, come previsto già nel vecchio regolamento per l’affidamento all’esterno di parchi e giardini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Cerca casa in affitto a Pescara e dintorni ma le viene chiesto se sia italiana, caso di discriminazione accaduto a una ragazza

Torna su
IlPescara è in caricamento