rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità

Parla lo psichiatra docente all'università D'Annunzio: "Per il Coronavirus panico e ansia ingiustificati"

Il professor Massimo Di Giannantonio, presidente eletto della Società italiana di psichiatria (Sip) commenta il panico e la paura per il contagio del virus fra la popolazione

Reazioni psicologiche ingiustificate davanti al problema del Coronavirus, e troppa attenzione per le notizie non verificate e fake news. Il professor Massimo Di Giannantonio, presidente eletto della Società italiana di psichiatria (Sip) e ordinario di psichiatria all'università di Chieti-Pescara interviene in merito alla paura generalizzata che si è diffusa in Italia per il contagio.

Secondo lo psichiatra, si sono sovrapposte varie cause: dall'ansia per la modifica delle abitudini e per la percezione di salute e benessere individuale che ha interessato e sta interessando in modo irrazionale ed eccessivo anche la popolazione lontana dai focolai del contagio, ad una vera e proprio epidemia cognitiva che "rischia di generare non solo spavento e confusione ma anche panico di massa e ansia da untori".

VIDEO - DOTTOR PARRUTI: "NESSUN FOCOLAIO IN ABRUZZO"

A tal proposito, il Sip ha diffuso sette regole per evitare di diffondere panico e paure ingiustificate come spiega Enrico Zanalda, presidente della Sip e direttore del dipartimento di Salute mentale dell'Asl To 3:

  •  Attenersi alle comunicazioni ufficiali delle autorità sanitarie
  • Riconoscere che le cose 'spaventose' che attraggono la nostra attenzione non sono necessariamente le più rischiose, è il primo passo verso la consapevolezza
  • Contenere la paura, mantenere la calma ed evitare di prendere decisioni fino a quanto il panico non è passato
  • Affidarsi solo alle testate giornalistiche ufficiali e autorevoli
  • Non fare tesoro di ciò che si intercetta online e sui social media, soprattutto se 'condiviso' da amici solo virtuali, che in realtà non si conoscono davvero, e se non accuratamente verificato
  • Rivolgersi al proprio medico e non fare domande su gruppi social, chiedendo opinioni
  • Se compaiono sintomi come panico, ansia o depressione rivolgersi allo specialista al fine di un'adeguata diagnosi

Ricordiamo che la Regione ed il Comune di Pescara rispettivamente con il presidente Marsilio, l'assessore regionale Verì ed il sindaco Masci hanno invitato i cittadini alla calma, sottolineando come in Arbuzzo non ci siano focolai per il contagio e l'unica persona risultata positiva, attualmente, è un turista proveniente dalla provincia di Monza che è in buone condizioni di salute.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parla lo psichiatra docente all'università D'Annunzio: "Per il Coronavirus panico e ansia ingiustificati"

IlPescara è in caricamento