rotate-mobile
Attualità

Ospedale di Pescara di nuovo in affanno per l'emergenza Coronavirus, pazienti trasferiti

Per questo motivo nella giornata ieri, lunedì 23 marzo, diversi pazienti sono stati trasferiti negli ospedali di Chieti, Atri e L'Aquila

L'emergenza contagio da Covid-19 (Coronavirus) non si attenua e l'ospedale di Pescara torna a essere in affanno per l'alto numero di persone contagiate che sono ricoverate come già successo nei giorni scorsi.
Per questo motivo nella giornata ieri, lunedì 23 marzo, diversi pazienti sono stati trasferiti negli ospedali di Chieti, Atri e L'Aquila.

Nel capoluogo di regione, nello specifico, è stato trasportato un paziente intubato.

Lo scopo di questi trasferimenti, come riferisce Ansa Abruzzo, è quello di mantenere sempre un minimo di capacità di ricovero, ma visto l'aumento dei casi, man mano che i posti letto si liberano vengono subito occupati. Posti letto vengono anche liberati tramite le dimissioni di pazienti il cui quadro clinico è migliorato e che possono completare a casa la terapia. A ieri pomeriggio erano 663 i casi accertati di contagio da Covid-19 in Abruzzo di 370 nella Asl di Pescara. Una quarantina i nuovi pazienti nelle ultime ore. Tra gli ultimi casi accertati ci sono anche dei bambini: sono pressoché asintomatici e sono a casa, con sorveglianza attiva da parte della Asl.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Pescara di nuovo in affanno per l'emergenza Coronavirus, pazienti trasferiti

IlPescara è in caricamento