rotate-mobile
Attualità

L'ospedale Covid è pieno, lunghe attese per i ricoveri: la Asl pronta ad attivare nuovi posti letto

Si complica la situazione dei ricoveri dei malati Coronavirus a Pescara, Albani: "Il 70% sono senza vaccino"

L'aumento notevole dei contagi da Covid-19 che si sta verificando nelle ultime settimane a Pescara sta anche provocando un aumento dei costante dei ricoveri in ospedale.
Al "Santo Spirito" la situazione sta velocemente peggiorando tanto che tutti i letti disponibili risultano occupati.

Nella giornata di ieri, sabato 8 gennaio, si sono viste situazioni che non si verificavano da tempo, ovvero ambulanze con malati Covid in attesa per diverso tempo prima di poter entrare in pronto soccorso, come conferma il direttore dell'unità operativa complessa di Emergenza Urgenza, Alberto Albani. 

Pronto soccorso che, tra l'altro, per la seconda volta in poco tempo, ha dovuto bloccare gli ingressi in area medica per i malati geriatrici. Albani specifica come «il 70% degli ingressi con patologia Covid sono non vaccinati. Con l’attivazione a breve di nuovi posti la situazione dovrebbe migliorare». 

Attivazione di nuovi posti letto confermata anche dal direttore di Malattie Infettive, Giustino Parruti: «Stiamo tornando in equilibrio e ci sono 30 posti in attivazione da stasera. Ma ovviamente occorre subito una convenzione con privato accreditato per ulteriore allargamento, come a marzo scorso, senza ridurre altri servizi per i pazienti non covid, il che rappresenta la vera scommessa di questo momento». Poi Parruti lancia un nuovo appello ai cittadini: «Omicron è ancora un punto oscuro di cui sappiamo solo per certo che è più contagiosa e che può trasmettersi anche per contatto. Raccomandata una attenzione ossessiva al lavaggio frequente delle mani». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ospedale Covid è pieno, lunghe attese per i ricoveri: la Asl pronta ad attivare nuovi posti letto

IlPescara è in caricamento