Ospedale di Pescara al collasso, non può ricevere altri casi di Coronavirus

E per questo motivo l'ospedale di Pescara chiede uno stop temporaneo ai ricoveri di pazienti contagiati

La situazione dei contagi da Covid-19 (Coronavirus) è peggiorata rapidamente nelle ultime ore con 122 nuovi casi accertati.
E per questo motivo l'ospedale di Pescara chiede uno stop temporaneo ai ricoveri di pazienti contagiati.

Lo "Spirito Santo" allo stato attuale (giovedì 19 marzo) non è più nella condizione di gestire gli elevati accessi registrati nelle ultime ore.

La richiesta è stata avanzata dalla Asl alla Regione Abruzzo, come riferisce Ansa Abruzzo. Le criticità riguardano i posti letto e, soprattutto, il personale e proprio in questa direzione va l'appello della Asl, che chiede subito "rinforzi" considerato che i pazienti gestiti sono la maggior parte di quelli della regione. Una sospensione, almeno "di un paio di giorni", dirottando i casi positivi sugli altri presidi sanitari della regione, come il vicino ospedale di Chieti, consentirebbe di riorganizzare il tutto. Si sta lavorando su dimissioni precoci dei pazienti meno gravi con l'obiettivo di liberare dei posti, mentre è in corso il trasferimento dei pazienti della Medicina in alcune cliniche private, così da recuperare nuovi spazi da destinare all'emergenza coronavirus. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

  • Diego Armando Maradona e l'Abruzzo, ecco la foto con lo chef Quintino Marcella

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento