Sabato, 20 Luglio 2024
Attualità

Orsa Trasporti contro il "Tua Day": "Parlano di numeri, ma non dei problemi e intanto aumentano le dimissioni"

"Niente da festeggiare" dichiara il segretario Orlandi commentando l'evento organizzato dalla società di trasporto per presentare il bilancio. Dalla carenza di personale alla scarsa manutenzione dei mezzi, il sindacato denuncia caos gestionale da parte della Tua chiedendo alle istituzioni di intervenire e confermando la partecipazione allo sciopero nazionale di domenica 7 luglio

“Abbiamo assistito a una sterile analisi dei dati, ma nessun cenno alle problematiche he attanagliano il traposto pubblico locale”. Per l'Orsa Trasporti Abruzzo “non c'è niente da festeggiare” in casa Tua: questo il commento del segretario della sigla sindaale Alex Orlandi all'indomani della presentazione del bilancio della società di traporto pubblico che nella salta Favetta del museo delle Genti d'Abruzzo ha visto un'ampia partecipazione istituzionale.

Una vera e propria festa quella del “Tua Day” nei confronti della quale, incalza Orlandi, proviamo forte sdegno nei confronti di una festa organizzata ai massimi livelli con musica, spettacoli dal vivo e buon cibo per condividere tutti insieme un momento di svago, così recita il volantino che pubblicizza l’evento”. Un appuntamento che per il sindacalista si poteva evitare dato che, aggiunge, per le pessime condizioni lavorative in molti si sarebbero dimessi.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

“Non c’è nulla da festeggiare”, ribadisce a margine del sit-in organizzato dal sindacato e tornando a denunciare i problemi legati alla carenza di personale, alla scarsa manutenzione dei mezzi e alla gestione “disattenta”. Tutti elementi che, chiosa il sindacalista, “fanno da scenario a un servizio inadeguato e condizioni lavorative inaccettabili”.

“Bisognerebbe solo fare autocritica e analizzare le esigenze dell’utenza e dei lavoratori del Trasporto pubblico locale, ma l’azienda pensa bene di organizzare una festa tra sfarzo e lusso, decisamente una mancanza di rispetto nei confronti dei lavoratori e di quell’utenza costretta a scontrarsi con disservizi, corse saltate, autobus inefficienti e rincari tariffari.”, chiosa Orlandi.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

“Abbiamo un dato sconvolgente, sono diversi i lavoratori che negli ultimi mesi esasperati da pessime condizioni lavorative hanno rassegnato le dimissioni, questo è un segnale utile a ratificare e far comprendere quanto sia diventata complicata la vita dei lavoratori del trasporto pubblico locale” prosegue la nota di Orsa Trasporti Abruzzo.

“Risulta evidente quanto continui a essere fallimentare una gestione orientata esclusivamente alla costante ricerca dell’abbattimento dei costi, il tentativo di far quadrare i conti a totale discapito della qualità del servizio offerto e delle pessime condizioni lavorative dei propri dipendenti non può essere considerata una buona gestione del management aziendale di Tua spa. Invitiamo i vertici della regione Abruzzo a intervenire tutelando i diritti dei cittadini e dei lavoratori”, si legge ancora.

“Inevitabilmente si arriverà allo sciopero: domenica 7 luglio – annuncia infine Orlandi - i lavoratori del trasporto pubblico abruzzese si asterranno dal lavoro aderendo allo sciopero nazionale indetto dalla segreteria di Orsa. Ttrasporti, purtroppo, ancora una volta saranno gli utenti del trasporto pubblico locale a subire i maggiori disagi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orsa Trasporti contro il "Tua Day": "Parlano di numeri, ma non dei problemi e intanto aumentano le dimissioni"
IlPescara è in caricamento