rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Attualità

La giunta comunale di Pescara approva il progetto per il nuovo canile a Santa Teresa di Spoltore

La nuova struttura andrà a sostituire l'attuale canile di via Raiale e i terreni sui quali sarà realizzata sono stati concessi da un privato

La giunta comunale di Pescara ha approvato il nuovo progetto di fattibilità tecnica ed economica relativo alla realizzazione nuovo canile-rifugio in località Santa
Teresa di Spoltore.
L'importo complessivo dell'intervento è pari a 621.208,67 euro da finanziare per 481.240,83 euro con fondi ministeriali e per 139.967,84 euro con fondi propri dell’ente ai fini dell’adeguamento del programma triennale opere pubbliche 2022-2024.

Come si ricorda nel provvedimento, l’amministrazione comunale ha da tempo messo in campo un programma di interventi per la tutela della sicurezza degli abitanti e la protezione degli animali.

«L’attenzione dell’amministrazione», si legge ancora nella delibera, «è rivolta ad assicurare il rispetto del regolamento comunale per la tutela del benessere degli animali, anche avvalendosi del garante per i diritti degli animali, con funzioni di controllo e di intermediazione con le associazioni. In tale ambito è prevista la realizzazione di una struttura destinata a canile rifugio in località Santa Teresa di Spoltore su terreni di proprietà privata, concessi a titolo di comodato d’uso gratuito in favore dell’amministrazione comunale di Pescara».

Nella relazione poi viene aggiunto: «Oggetto dell'intervento è la realizzazione di una struttura destinata a canile-rifugio in sostituzione di quella attualmente esistente in via Raiale, sulla sponda destra del fiume Pescara, in prossimità della struttura della Città della Musica (opera ancora incompiuta dopo decenni). L’intervento, data l’annosa condizione di inadeguatezza degli impianti pubblici comunali che negli anni ha portato anche a situazioni di oggettivo disagio e inefficienza appare quanto mai auspicabile, pur nella oggettiva difficoltà di individuare superfici di proprietà pubblica sufficientemente ampie e in grado di garantire il rispetto delle diverse norme igienico-sanitarie
previste per questo tipo di strutture. La terza ipotesi ha preso in considerazione la delocalizzazione dell’attuale impianto comunale in un’area collinare della località Santa Teresa di Spoltore, su terreni di proprietà di un privato concessi a titolo di comodato d’uso gratuito all’amministrazione comunale di Pescara. L’ipotesi di progetto, nel rispetto delle normative di settore nazionali e regionali, prevede la possibilità di ospitare un numero adeguato di cani compatibile, da un lato, con le esigenze di  accoglimento del territorio e, da un altro, con la volontà di garantire a ciascun animale i giusti spazi e le idonee superfici alla loro permanenza nel rifugio. L’intervento, data l’annosa condizione di inadeguatezza degli impianti pubblici comunali che negli anni ha portato anche a situazioni di oggettivo disagio e inefficienza, appare quanto mai auspicabile, data anche la difficoltà di individuare superfici di proprietà pubblica sufficientemente ampi e in grado di garantire il rispetto delle diverse norme igienico-sanitarie previste per questo tipo di strutture». 

La superficie totale dell'area dove verrà realizzato il nuovo canile è 20.482 metri quadrati. L’area è accessibile da una strada privata secondaria (ricompresa tra le aree di cessione) che parte dal primissimo tratto di via Rastelli, non appena imboccata dal bivio sulla Strada Provinciale 13. Il lotto si trova su di un terreno leggermente acclive che arriva fino alla sommità di un piccolo poggio con una pendenza di circa il 20%. La superficie di progetto è stata suddivisa tenendo conto delle distanze minime tra centri abitati e strutture di ricovero per cani previste dalla legge regionale numero 47/2013, aggiornata con legge regionale numero 29/2020, che hanno determinato la distinzione di una zona destinate esclusivamente al ricovero per cani, di circa 4.640 metri quadrati, e di una dedicata a parco pubblico, attrezzata per il tempo libero.
All’interno della struttura del canile-rifugio sono stati previsti dei gruppi di box per il ricovero dei cani, oltre ad una serie di piccoli manufatti in cui saranno posizionati uffici amministrativi, accoglienza e ambulatori. La distribuzione dei padiglioni-box è stata organizzata in base ai raggruppamenti comportamentali: padiglione F: prosocialità -non presentano problemi di socializzazione; padiglione G: comunità -per cani che amano stare insieme; padiglione H: geriatria -per cani anziani; padiglione I: timorosi -per cani che hanno bisogno di sentirsi riparati; padiglione L: aggressivi. I box sono stati distribuiti in sette gruppi distinti (padiglioni) compartimentati attraverso barriere arbustive. Ciascun padiglione è organizzato per ospitare da un minimo di quattro fino a un massimo di 24 cani. Il totale dei cani ospitabili è pari a circa 60. La divisione degli spazi a loro dedicati (box al chiuso, box semiaperto, box aperto ed area per lo sgambamento) è la seguente: 85% spazio per lo sgambettamento; 5% spazio per i box aperti; 5% spazio per i box semiaperto; 5% spazio per i box chiusi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La giunta comunale di Pescara approva il progetto per il nuovo canile a Santa Teresa di Spoltore

IlPescara è in caricamento