Il sostituto commissario Sciolè va in pensione, il saluto ai colleghi della Questura di Pescara

Sciolè, inoltre, la mattina di lunedì prossimo, 2 novembre, offrirà la colazione a tutti coloro che ne avranno il piacere, al bar della Questura, con la promessa di abbracciare, ognuno, al più presto

Nicolino Sciolè

Il sostituto commissario della polizia di Stato, Nicolino Sciolè, va in pensione per raggiunti limiti di età e non potendo salutare tutti i suoi colleghi di persona a causa delle restrizioni imposte per l'emergenza Covid-19 (Coronavirus) ha lasciato un emozionante saluto che la pagina Facebook della Questura di Pescara ha condiviso.
Sciolè, inoltre, la mattina di lunedì prossimo, 2 novembre, offrirà la colazione a tutti coloro che ne avranno il piacere, al bar della Questura, con la promessa di abbracciare, ognuno, al più presto.

Questo quanto scrive Sciolè: «Dopo 42 anni è giunta l’ora di interrompere definitivamente la lunga, meravigliosa e passionale storia d’amore con la polizia di Stato. Ho vissuto splendide avventure in ogni luogo d’Italia ed anche fuori i confini nazionali. Tuttavia, è in questa città che, maggiormente, ho trascorso, con orgoglio, pericolosamente in prima linea, la lotta contro il crimine in generale e verso i trafficanti di droga in particolare. Consentitemi dunque di ringraziare ognuno di voi, appartenenti alla Questura di Pescara che, tra l’altro, mi avete, costantemente, manifestato stima, gratitudine e affetto». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Ha i sintomi del Covid dopo la positività del coinquilino ma il tampone arriva dopo 20 giorni, il racconto di un pescarese

  • La cabina di regia mette l'Abruzzo in zona rossa, c'è l'annuncio di Speranza

  • Cerca casa in affitto a Pescara e dintorni ma le viene chiesto se sia italiana, caso di discriminazione accaduto a una ragazza

Torna su
IlPescara è in caricamento