Sfregio ai murales di via Caravaggio, rovinate le opere che costeggiano la ferrovia [FOTO]

Tre opere sono state danneggiate, vanificando il desiderio del mecenate Silvio Maresca di donare alla città una galleria d'arte a cielo aperto. Il vandalismo resta la peggiore manifestazione di ignoranza

Lo scopo era quello di educare il cittadino all'arte e alla bellezza, oltre a riqualificare una zona della città soffocata dal cemento.
Ci aveva visto giusto l'imprenditore Silvio Maresca, amministratore della Bluserena Spa, quando nel 2017 decise di intervenire spontaneamente con un progetto denominato "I Giardini d'Arte di via Caravaggio".

Sei pannelli di grosse dimensioni, trasformati in dipinti realizzati da writers di provenienza internazionale.

Queste opere, che rappresentano per l'area urbana di Pescara un indubbio valore estetico oltre che artistico, sono state collocate sul muro che separa la strada dalla ferrovia, proprio all'altezza della sede aziendale del gruppo alberghiero facente capo al mecenate. A distanza di tre anni dall'esposizione a cielo aperto, tre di quei murales alti due metri per nove di larghezza sono stati deturpati irrimediabilmente da vandali rimasti sconosciuti e impuniti. Sconcertati gli autori Giorgio Bartocci, Manuel "Peeta" Di Rita e Popay, vittime dell'incresciosa azione teppistica.

(foto di Americo Carissimo)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Tragedia nel Pescarese, pensionato rimasto vedovo si toglie la vita

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

Torna su
IlPescara è in caricamento