rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Multe agli over 50 non vaccinati contro il Covid: la Asl spiega come richiedere l'annullamento della sanzione

L'azienda sanitaria pescarese ha spiegato come possono richiedere l'annullamento della sanzione di 100 euro imposta dal Governo, gli over 50 che non si sono vaccinati per giustificati e dimostrabili motivi

La Asl di Pescara ha illustrato la procedura per gli over 50 che hanno ricevuto o riceveranno la comunicazione della sanzione imposta a coloro che non si sono vaccinati contro il Covid. Ricordiamo che il decreto legge del Governo impone attualmente l'obbligo vaccinale alle persone che hanno compiuto 50 anni, e per i trasgressori sono previste multe da 100 euro che l'agenzia delle entrate nelle ultime settimane ha iniziato a notificare essendo trascorso il termine massimo concesso per effettuare almeno la prima inoculazione.

Entro 10 giorni dal ricevimento della sanzione, spiega la Asl, si potrà comunicare all'azienda sanitaria competente di essere in possesso di una certificazione relativa al differimento o all’esenzione dell’obbligo vaccinale per ragione di assoluta e oggettiva impossibilità. Occore quindi scaricare il modulo che va compilato e consegnato direttamente all'ufficio protocollo in via Paolini 47 a Pescara Edificio E (presso URP) – Ingresso 4 – Piano terra, che potrà essere effettuata dalle ore 11 alle ore 13 di tutti i giorni feriali, escluso il sabato, e nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle ore 15 alle ore 17. Oppure è possibile inviare la documentazione tramite Pec all'indirizzo protocollo.aslpe@pec.it o infine tramite raccomandata all'ufficio protocollo Asl di Pescara Edificio E –  Via R. Paolini, 47 - 65124 Pescara, indicando sulla busta “Direzione sanitaria aziendale - Procedimento obbligo vaccinale

Nella documentazione da trasmettere, oltre alla certificazione da esibire (differimento dell'obbligo vaccinale; esenzione dall'obbligo vaccinale; altra ragione di assoluta e oggettiva impossibilità ad adempiere all'obbligo vaccinale) deve essere compresa la copia dell'avviso/comunicazione dell'agenzia delle entrate - riscossione di avvio del procedimento sanzionatorio, oltre ad una copia del documento di riconoscimento in corso di validità, del soggetto interessato dall'avviso. La documentazione sarà valutata da un'organo aziendale composto da un medico ed un rappresentante legale che sono sotto il diretto controllo del direttore sanitario aziendale) al fine di verificare le condizioni previste dalla normativa vigente. In caso di esito positivo la domanda sarà accolta e il codice fiscale della persona sarà inserito dal personale Asl in un'apposita lista dalla quale cancellare il nome della persona sanzionata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe agli over 50 non vaccinati contro il Covid: la Asl spiega come richiedere l'annullamento della sanzione

IlPescara è in caricamento