rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Attualità

Si è spento a Philadelphia Remo Saraceni, l'inventore del Big Piano: il cordoglio del sindaco Carlo Masci

"Era un visionario" l''inventore e designer originario di Fossacesia scomparso a 89 anni, dice il sindaco. Un "dono" al suo Abruzzo il concept della fontana realizzata in piazza Salotto per una vita dedicata alla creatività e la tutela dell'ambiente. Fu lui a realizzare la grande tastiera del famosissimo film "Big" con Tom Hanks, ma in carriera tantissimi le sue invenzioni e altrettanti i riconoscimenti

Si è spento a Philadelphia Remo Saraceni, l'inventore e designer nato a Fossacesia nel 1934 che per Pescara ha ideato il Big Piano, e cioè la fontana musicale di piazza Salotto ispirata da quella grande tastiera che sempre lui pensò per il film “Big” che lancio nel mondo delle star un giovanissimo Tom Hanks.

Lo fa sapere il sindaco Carlo Masci che esprime con un lungo messaggio il cordoglio per la sua scomparsa definendolo “un visionario”.

“Diceva di me che sono un sindaco visionario oggi io voglio dire che il vero visionario è stato lui, esprimendogli grande riconoscenza per ciò che ha fatto nel mondo – esordisce il sindaco - . Remo Saraceni, che ha lasciato questa terra all'età di 89 anni a Philadelphia, è stato un artista geniale, che ha impresso un suo segno distintivo anche a Pescara, donandoci il concept della fontana musicale interattiva di piazza della Rinascita inaugurata a dicembre 2022”.

“Saraceni parlava di quella fontana come di un'opera 'speciale' perché era stata prodotta qui, da imprese locali, e quindi aveva in sé un elemento in più, rispetto a come l'aveva pensata lui – prosegue Masci -. Ma la straordinarietà va riconosciuta a lui, che è stato il padre di una invenzione passata alla storia: chi di noi non ha visto al cinema o in tv il film con Tom Hanks (Big), ammirando l'attore mentre si muove su quel pianoforte gigante insieme a Robert Loggia? A Saraceni, le cui opere sono esposte in tutto il mondo e che ha ricevuto riconoscimenti prestigiosi, desidero dire il mio grazie di cuore, sentito, a nome di tutta la città, per aver voluto donare qualcosa di suo all'Abruzzo, sua terra di origine, dando un segno tangibile delle sue capacità e del suo estro. Alla sua famiglia va il mio abbraccio di cuore”, chiosa il sindaco.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Sì il Big Piano (installato per la prima volta in un negozio di giocattoli di New York City nel 1982), ma anche tanto altro nella vita di Saraceni che ha lasciato la sua impronta nel mondo. Si è infatti occupato di scavi archeologici, ricorda Masci, ha fabbricato radio e giradischi “innovativi", ha progettato apparecchiature audiovisive, ha studiato l'inquinamento atmosferico a Milano ed è stato designer di scarpe e sviluppatore industriale nell'azienda di suo padre. Ha anche lavorato un'azienda elettronica che sviluppava moduli di razzi per progetti spaziali e ha partecipato al progetto Experiments in Art & Technology (Eat) che ha messo fianco a fianco artisti, ingegneri e scienziati. Le sue opere sono state esposte in molti musei della scienza e dell'arte, centri di scoperta e ospedali pediatrici in tutto il mondo, da Philadelphia al Messico, dal Venezuela alla Colombia.

“Dagli anni 70 parlava di sostenibilità ambientale e si spendeva per mettere la tecnologia a servizio dell'uomo, puntando a una interazione proficua tra uomo e ambiente. Il tema del risparmio è sempre stato centrale per lui, e con il sensore che fece installare nei grandi magazzini per far attivare l'impianto di illuminazione dei vari stand solo al passaggio di qualcuno si guadagnò nel 1979 – conclude il primo cittadino - il 'Lighting design award' della Illuminating Engineering Society of North America”.

Remo Saraceni e Tom Hanks-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si è spento a Philadelphia Remo Saraceni, l'inventore del Big Piano: il cordoglio del sindaco Carlo Masci

IlPescara è in caricamento