Nel Pescarese 14 morti sul lavoro dall'inizio dell'anno: la nostra provincia al secondo posto in Italia per l'indice di incidenza

I dati sono stati presentati da Vega Engineering analizzando i dati sugli infortuni mortali dell'Inail fino al 30 settembre 2020

Sono 14 i morti sul lavoro in provincia di Pescara dall'inizio dell'anno e fino al 30 settembre 2020. Lo ha reso noto lo studio "Vega Engineering" che ha analizzato i numeri sugli infortuni mortali in Italia calcolati dall'Inail. La provincia con più morti in termini assoluti è Bergamo, con 38 vittime. Seguono Roma e Milano con 37 e 35 morti mentre la nostra provincia è all'undicesimo posto.

Pescara però è al secondo posto assoluto per l'indice di incidenza. A livello complessivo, in Italia nel 2020 fino al 30 settembre sono state registrate 927 vittime con un incremento del 18% rispetto ai morti del 2019. A pesare sono soprattutto gli esiti mortali per contagio da Covid – 19. Sono infatti 319 le vittime (secondo gli ultimi dati Inail).

A livello regionale, in Abruzzo sono state registrate 22 vittime fra il primo gennaio ed il 30 settembre di quest'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

Torna su
IlPescara è in caricamento