menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dall'artista Millo un'opera d'arte ed una raccolta fondi di 22 mila euro per l'ospedale di Pescara

L'artista ha iniziato a realizzare l'opera durante il lockdown ed ha raccolto tramite crowdfunding circa 22 mila euro per l'ospedale di Pescara

Inaugurata questa mattina all'ospedale di Pescara, al piano terra ingresso ambulanze l'opera realizzata dall'artista Millo "Il
cuore sopra tutto / The heart above" donata al nosocomio pescarese assieme ad una raccolta fondi, tramite crowfunding, pari a 21.347,91 euro.

Durante la fase emergenziale del Coronavirus, in pieno lockdown, l'artista che era costretto in casa iniziò il 25 marzo a realizzare l'opera avviando anche la raccolta fondi. Così Millo, al secolo Francesco Camillo Giorgino, fece partire la gara di solidarietà promettendo di donare l'opera all'ospedale quando l'emergenza sarebbe finita. 

Da molti anni vivo in Abruzzo, regione in cui ho costruito la mia carriera e la mia vita. In questo momento particolare, sento che la mia regione ha bisogno del mio aiuto e dell’aiuto degli altri per poter superare l’emergenza sanitaria. Noi tutti possiamo fare qualcosa e possiamo supportare concretamente i nostri medici e i nostri reparti di rianimazione

L'ospedale sta ancora combattendo la battaglia contro il Covid e necessita costantemente di dispositivi di sicurezza, materiale medico ed attrezzature ed ogni donazione più fare la differenza. La cifra raccolta sarà donata per rafforzare la terapia intensiva, ed è stata raccolta appena in una settimana. L'opera è stata oggetto di diverse dirette Facebook durante la fase di realizzazione.  
In linea con lo stile dell’artista, fatto di pennellate fugaci in bianco e nero, denso di richiami al fumetto e all’illustrazione, dominato da una personale lettura della città e dell’ambiente urbano, in “Il cuore sopra tutto / The heart above all” spicca il rosso del cuore assemblato da due fanciulli con i frammenti delle architetture della città, cui solo i bambini possono dare nuova forma e rivestire con pennellate di acceso colore. Un cuore che nasce da una città destabilizzata ma che ha voglia e forza di tornare a vivere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rustell: storia e origini degli arrosticini abruzzesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento