rotate-mobile
Attualità

La Micso si conferma leader nell'innovazione e torna sul palco dell'Italian network operators group di Bologna

L'azienda pescarese di nuovo protagonista all'evento di settore svoltosi nel capoluogo dell'Emilia Romagna. Dal palco l'incoraggiamento alle piccole realtà e in estate un altro importante appuntamento con l'Icranet (International center for relativistic astrophysics network)

La Micso di Pescara si conferma una realtà all'avanguardia e così anche quest'anno ha partecipato all'evento Itnog8, l'incontro annuale dell'Italian network operators group, che si è tenuto a Bologna. Un appuntamento chiave che riunisce i professionisti del networking in Italia e che accoglie anche molti ospiti internazionali. Itnog, infatti, oltre a essere un'associazione senza scopo di lucro è un terreno di scambio virtuoso per confrontarsi sulle novità del settore e condividere esperienze, promuovendo anche ricerche accademiche: l'obiettivo è facilitare l'organizzazione di incontri e attività a beneficio degli operatori di rete italiani. L'obiettivo principale dell'associazione è, infatti, proprio quello di elevare la qualità di internet attraverso lo scambio di informazioni e idee tra tecnici.

Una realtà dall’impianto etico, che si distingue nel mondo altamente competitivo della connettività per la sua capacità di generare valore dal confronto libero tra i più importanti professionisti del settore.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

È stato Normando Marcolongo, Cto di Micso e tra i creatori dell'intera infrastruttura tecnologica Wadsl a parlare sul palco di Bologna ed è stato alle piccole realtà che si è voluto rivolgere incoraggiandole a sperimentare senza paura anche le tecnologie più all'avanguardia. Marcolongo ha evidenziato come queste tecnologie, spesso percepite come complesse e costose, rappresentino in realtà un'opportunità unica per migliorarsi e migliorare l'offerta sul mercato.

“Gli eventi organizzati da Itnog sono imperdibili, ben organizzati e senza inutili fronzoli, con un comitato scientifico di prim'ordine che mi ha lusingato accettando la mia proposta di intervento – ha esordito Marcolongo -. Di cosa si tratta? In un data center, le tipologie di connessione tra i server e i dispositivi di rete sono molteplici e di vario tipo: da quelle più semplici ad altre più complesse. Ognuna porta con sé pro e contro. Specialmente per le realtà più piccole, le tecnologie più sofisticate hanno pesanti 'contro': tra i più frequenti ci sono il costo e la paura di confrontarsi con qualcosa di complesso. Il mio intervento mira a incoraggiare i piccoli operatori a implementare una tecnologia di interconnessione nei data center (chiamata Vxlan/Evpn) che reca molti benefici ed è meno complessa di ciò che sembra, ripagando certamente il costo relativamente alto necessario a metterla in campo. Noi l'abbiamo implementata con successo e soddisfazione, non potevamo non condividere la nostra esperienza. In fondo – ha aggiunto - le reti ci sono per collegarsi, per condividere, no?”

La presenza di Micso a Itnog non è solo un segnale della partecipazione attiva dell’azienda pescarese alle discussioni sulle tecnologie di rete, ma anche un esempio concreto di come sia realtà impegnata a condividere e promuovere l'innovazione. E a proposito di questo n estate Micso sarà al centro di un altro importante evento, che la vedrà come sponsor tecnologico di IcraNet, prestigiosa organizzazione internazionale che promuove attività di ricerca nel campo dell'astrofisica relativistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Micso si conferma leader nell'innovazione e torna sul palco dell'Italian network operators group di Bologna

IlPescara è in caricamento