rotate-mobile
Attualità

Per Natale torna la messa nella chiesa dell'ospedale dedicata ai malati oncologici

La Lilt, Lega italiana lotta contro i tumori – sezione di Pescara, ha organizzato per mercoledì 20 la santa messa all'interno della cappella dell'ospedale Santo Spirito

Sarà celebrata dall'arcivescovo Tommaso Valentinetti la santa messa voluta dalla Lilt, Lega italiana lotta contro i tumori – sezione di Pescara mercoledì 20 dicembre alle 11,30 nella chiesa del buon samaritano, nell'ospedale di Pescara, dedicata ai malati oncologici.

Si tratta di un appuntamento ormai tradizionale per la Lilt, un’occasione per incontrare tutti i nostri volontari, i pazienti e le loro famiglie, per fgli auguri per le festività natalizie ormai imminenti e, soprattutto, per rinnovare l'impegno nella lotta per la prevenzione delle malattie tumorali, ricordando tutte le campagne per il 2024, tra cui quella contro il melanoma, il tumore del seno, il percorso azzurro, tuttora in corso, e la giornata mondiale per la prevenzione come ha spiegato Marco Lombardo, presidente della Lilt Abruzzo:

“La Lilt di Pescara chiude il 2023 con un segno assolutamente positivo sul fronte della sensibilizzazione del territorio: anche quest’anno in tutte le campagne di prevenzione, che ci hanno consentito di garantire visite gratuite agli utenti, la risposta del territorio è sempre stata straordinaria, facendo registrare centinaia di prenotazioni. In tale ottica diventano strategici e fondamentali le occasioni di incontro e di comunione con i cittadini, con il territorio, come quella offerta dalla tradizionale santa messa dedicata, in maniera specifica, al malato oncologico, un momento utile per non far sentire solo chi sta attraversando la malattia, dunque per dargli anche un supporto morale oltre che per informarlo delle possibilità di assistenza esistenti sul territorio. Ma è importante anche per chi non ha incontrato direttamente la malattia, e proprio per questo va sensibilizzato sul tema della prevenzione, dobbiamo spiegargli cosa deve fare per impedire l’insorgenza stessa del tumore nel corso della sua esistenza, osservando uno stile di vita sano e dedicando del tempo anche ai controlli medici periodici, perché un tumore scoperto nella sua primissima fase, ovvero quando è piccolissimo, significa guarire completamente.

Quest’anno la ricorrenza assume un significato particolare avendo scelto di ospitare la santa messa direttamente nella parrocchia interna al nosocomio, rendendo dunque più agevole la partecipazione dei cittadini, dei malati, degli Operatori sanitari che ogni giorno sono chiamati a svolgere una missione tra le corsie dell’ospedale, a contatto diretto con la sofferenza dei pazienti, con la preoccupazione delle famiglie, ma anche con la speranza e la fiducia nella medicina e nella ricerca”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per Natale torna la messa nella chiesa dell'ospedale dedicata ai malati oncologici

IlPescara è in caricamento