rotate-mobile
Attualità

Mascherine chirurgiche a 50 centesimi, parla l'ordine dei farmacisti di Pescara: "Prezzo ragionevole, ma non sono tutte uguali"

In merito alla decisione della protezione civile di stabilire a cinquanta centesimi (più Iva) il prezzo massimo di vendita delle mascherine chirurgiche, abbiamo voluto sentire il parere dei farmacisti pescaresi

Con l'entrata in vigore del nuovo decreto del Governo per la fase 2 dell'emergenza Coronavirus, è entrato in vigore anche il prezzo calmierato delle mascherine chirurgiche. La protezione civile, lo ricordiamo, ha fissato il prezzo massimo per ogni pezzo a 50 centesimi (più Iva), una scelta che nei primi giorni era stata al centro di discussioni ed anche polemiche in quanto alcuni rivenditori avevano deciso di ritirarle dal mercato per il prezzo eccessivamente basso. Per questo, abbiamo voluto sentire il parere dell'ordine dei farmacisti di Pescara.

Lo considerate un prezzo ragionevole o troppo basso?

Può ritenersi ragionevole, soprattutto a motivo della necessità di assicurare la massima diffusione delle mascherine chirurgiche, premettendone l’approvvigionamento nella “ Fase 2”, con il prevedibile aumento della domanda, nonché di fugare ogni speculazione a danno dei cittadini.

In media a quale prezzo vengono vendute queste mascherine nelle farmacie pescaresi?

Mediamente a € 1,50, considerato un costo medio a mascherina di €1.00

È vero che si rischia una carenza di forniture e disponibilità in quanto diverse farmacie stanno valutando di ritirarle dalla vendita o comunque di non proseguire con gli approvigionamenti?

No, in quanto il 1° maggio è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra il commissario straordinario e le varie sigle di categoria, volto a salvaguardare le farmacie che hanno acquistato mascherine antecedentemente, a costi superiori a quello imposto dall’ordinanza commissariale. Pertanto, gli approvvigionamenti dovrebbero essere garantiti.

La protezione civile vi ha garantito un rimborso sull'eventuale differenza di prezzo?

Sempre in base all’accordo siglato il 1° maggio, il commissario straordinario dovrebbe rimborsare la differenza di costo sostenuta dalle farmacie, attraverso un procedimento stabilito (abbastanza macchinoso).

Le mascherine chirurgiche sono tutte della stessa qualità? Come riconoscere quelle che davvero sono protettive?

No. È possibile valutarne le caratteristiche legate alla qualità, la sicurezza e l’efficacia, consultando la documentazione tecnica fornita dal produttore o importatore, che ne certifichi la conformità ai regolamenti comunitari Uni en 14683, o in deroga alla normativa vigente come previsto dall’art. 15 del D.L. 18/2020

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine chirurgiche a 50 centesimi, parla l'ordine dei farmacisti di Pescara: "Prezzo ragionevole, ma non sono tutte uguali"

IlPescara è in caricamento