Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità

"Mare sicuro" con la guardia costiera: 50 unità di personale, 15 unità navali e 13 mezzi a terra per l'estate 2024

Questi i numeri della direzione marittima di Pescara forniti in occasione della presentazione dell'operazione "Mare e laghi sicuri 2024". Una tutela per i bagnanti, ma anche per l'ambiente

Riparte dal 15 giugno (e andrà avanti fino al 15 settembre) l'operazione estiva della guardia costiera “Mari e laghi sicuri 2024” che interessa anche la nostra costa. Nello specifico direzione marittima di Pescara, anche quest’anno, ha predisposto un dispositivo operativo che prevede un intenso utilizzo delle risorse disponibili allo scopo di garantire il regolare utilizzo della fascia costiera di giurisdizione, che comprende le Regioni Abruzzo e Molise oltre alle Isole Tremiti.

Cinquanta tra uomini e donne, i militari impiegati sia a mare sia lungo le coste che, con 15 unità navali e 13 mezzi a terra, garantiranno la sicurezza della balneazione e della navigazione oltre al principale compito di salvaguardia della vita umana in mare. Particolare attenzione sarà posta per tutti gli aspetti connessi alla tutela dell’ambiente e della filiera ittica.

“Anche per l’estate 2024 – sottolinea il direttore marittimo, capitano di vascello Fabrizio Giovannone - la guardia costiera, oltre alla normale attività istituzionale, garantirà il massimo impegno per assicurare la propria professionalità a favore di bagnanti, diportisti e subacquei. Saranno garantiti controlli più intensi su tutte le attività svolte in mare al fine di prevenire condotte illecite pericolose per le persone, per il patrimonio ambientale, per l'ecosistema marino e per le risorse ittiche”.

In tutto il Paese l'operazione che si svolge in estate quando le gli 8 chilometri di coste comprese le spiagge, sono prese d'assalto dai bagnanti, vedrà impegnati ogni giorno 3mila donne e uomini del corpo, oltre 400 mezzi navali e 16 mezzi aerei.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Un'azione di controllo che riguarda anche alla tutela dell'ambiente grazie alla quale si vuole garantire il regolare utilizzo della fascia costiera dato che, ricorda la guardia costiera, solo l'anno scorso sono state restituite ai cittadini aree demaniali illecitamente occupate per oltre 197mila 872 metri quadrati.

L'occasione anche per ricordare il numero di interventi compiuti nel 2023 e cioè 1.716 persone soccorse (di cui 218 sui laghi maggiori), 495 unità da diporto soccorse (di cui 64 sui laghi), 244 mila controlli (42.354 sul diporto nautico). Come negli anni scorsi i diportisti potranno contare sul rilascio del “Bollino Blu”, che permetterà loro di vivere il mare e anche i laghi più serenamente, evitando una duplicazione dei controlli in materia di sicurezza (3.442 bollini rilasciati di cui 95 sui laghi maggiori).

La guardia costiera ricorda che da quest'anno è possibile segnalare eventuali situazioni di emergenza al Nue (Numero unico di emergenza) 112, in aggiunta al consueto numero blu 1530.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mare sicuro" con la guardia costiera: 50 unità di personale, 15 unità navali e 13 mezzi a terra per l'estate 2024
IlPescara è in caricamento