Attualità

Manoppello, una pietra commemorativa per le donne vittime del lavoro in miniera

L'opera, realizzata dal maestro scalpellino Claudio Di Biase di Lettomanoppello, è stata presentata a margine di un convegno di storia dell'archeologia industriale sulle "Miniere della Maiella"

Sabato 29 giugno si è tenuto a Manoppello, nella sala Valsimi del Centro Studi "Marcinelle", un convegno dell'Associazione "Marcinelle" di storia dell'archeologia industriale sulle "Miniere della Maiella" con una mostra fotografica. L'occasione è stata utile per presentare la pietra commemorativa, realizzata dallo scalpellino della Maiella Claudio Di Biase di Lettomanoppello, della giovane Antonia D'Astolfo, 18enne che ebbe un tragico incidente nella miniera di Fonte nel 1895 nel quale perse la vita. La pietra sarà dunque un omaggio a tutte le donne morte in miniera.

L'evento rientra nell'ambito della giornata nazionale delle miniere (25 e 26 maggio scorso), arrivata all'11esima edizione e promossa dall'ISPRA con la collaborazione del MISE e di varie associazioni del settore geologico - minerario. Durante il convegno sono intervenuti vari relatori,moderati dal Vice Presidente dell'Associazione "Marcinelle" Sandro Petaccia fra cui il sindaco di Roccamorice Alessandro D'Ascanio che ha illustrato la storia dell'industria mineraria della Maiella, la professoressa Daniela D'Alimonte dirigente scolastica che ha parlato di "donne e minori, diritti e lavoro"; Dino Di Cecco e Roberto Di Paolo del GRAIM che hanno parlato del tema della tutela e valorizzazione delle miniere dismesse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manoppello, una pietra commemorativa per le donne vittime del lavoro in miniera

IlPescara è in caricamento