rotate-mobile
Attualità

Luca Barbarossa fa l'abruzzese: "Mio nonno è di Farindola" [FOTO]

Il cantautore romano, ieri sera, a margine del suo concerto per la festa della Madonna dei 7 Dolori ha svelato di avere origini che affondano nel Pescarese, per la precisione in quella Farindola "che in molti conoscono per il pecorino"

Luca Barbarossa alla festa della Madonna dei 7 Dolori

A livello di performance, il concerto è iniziato poco prima delle 22 sulle note di "Vivo" e ha proposto alcuni evergreen della musica italiana come "Roma spogliata", "Via Margutta", "Al di là del muro" e "Yuppies". Non sono mancati momenti commoventi, come quando ad esempio Barbarossa ha interpretato "L'amore rubato", che racconta di uno stupro, o "Portami a ballare", dolce ballata dedicata alla madre che gli valse la vittoria di Sanremo nel 1992. 

Spazio anche alle canzoni dell'ultimo album "Roma è de tutti", a cominciare dalla title track che ha rilanciato alla grande questo artista lo scorso anno in occasione della sua partecipazione al Festival. Una sola cover in scaletta: "Bartali" di Paolo Conte, in omaggio al leggendario ciclista che durante la seconda guerra mondiale salvò la vita a molti ebrei. Dopo 1 ora e 45 minuti, Luca Barbarossa - sempre educato, gentile e spiritoso per tutta la durata dello spettacolo - ha salutato il pubblico dando appuntamento al prossimo live. Tanto questa, ormai, è anche un po' casa sua.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luca Barbarossa fa l'abruzzese: "Mio nonno è di Farindola" [FOTO]

IlPescara è in caricamento